Better Cotton lavora con partner sul campo per formare milioni di coltivatori di cotone in tutto il mondo, supportandoli nell'implementazione di pratiche agricole più sostenibili che proteggano e ripristinino l'ambiente, migliorando anche i loro mezzi di sussistenza. Per garantire che i nostri programmi facciano la differenza, ci impegniamo a misurare i miglioramenti della sostenibilità ovunque venga coltivato Better Cotton e a valutare l'impatto ambientale, sociale ed economico del Sistema standard di cotone migliore.

È importante misurare il numero di agricoltori che partecipano ai progetti e soddisfano il Better Cotton Standard, o i volumi di Better Cotton concesso in licenza, ma dobbiamo anche capire se, in quanto sistema di standard di sostenibilità guidato da più parti interessate, stiamo apportando contributi sostanziali a una produzione di cotone più sostenibile.

Ecco perché cerchiamo di misurare il cambiamento che i coltivatori di cotone ottengono in una serie diversificata di contesti, dai piccoli proprietari con accesso limitato alla meccanizzazione, alle operazioni agricole tecnologicamente più avanzate. Il nostro programma di monitoraggio, valutazione e apprendimento (MEL) basato sui dati si concentra sui risultati a livello di azienda agricola, per misurare ciò che conta di più secondo il nostro Teoria del cambiamento: miglioramento continuo delle condizioni ambientali, sociali ed economiche nella coltivazione del cotone. 

Il nostro Quadro delle prove delinea gli indicatori chiave e i metodi di raccolta dati che utilizziamo per misurare i nostri progressi verso il raggiungimento dei cambiamenti previsti delineati nella nostra Teoria del Cambiamento.

Cosa intendiamo per “Impatto”?

Per "impatto" si intendono gli effetti positivi e negativi a lungo termine derivanti dall'attuazione del Better Cotton Standard System, direttamente o indirettamente, voluti o meno (dal Codice degli impatti ISEAL, adattato dal Glossario dell'OCSE). L'impatto richiede tempo per essere raggiunto e misurato, ma abbiamo commissionato studi e collaborato con istituzioni accademiche per cercare una maggiore comprensione dell'impatto di Better Cotton sulle persone che lo producono e sull'ambiente.

Conformità al codice ISEAL

Codice di buona pratica degli impatti di ISEAL supporta un monitoraggio e una valutazione robusti che aiutano i sistemi a capire quanto siano efficaci i loro standard nel raggiungere ciò che si prefiggono di fare. Fornisce standard con una tabella di marcia per misurare i progressi rispetto agli obiettivi di sostenibilità e per migliorare le pratiche nel tempo.

Better Cotton è conforme al codice ISEAL. Il nostro sistema è stato valutato in modo indipendente rispetto ai codici di buona pratica di ISEAL. Per ulteriori informazioni, vedere isealalliance.org.

Utilizziamo metodi di ricerca e valutazione complementari e collaboriamo con organizzazioni e ricercatori indipendenti per valutare i risultati e gli impatti sul campo dei programmi Better Cotton. Nessun singolo approccio o metodologia può soddisfare tutte le esigenze di comprensione della portata, dell'efficienza, dei risultati e, in definitiva, dell'impatto di un'iniziativa di sostenibilità. È necessaria una diversità di approcci per misurare efficacemente i risultati e l'impatto sia su scala che in profondità.

Domande frequenti sui risultati e sull'impatto

La valutazione del ciclo di vita (LCA) è una procedura in più fasi per il calcolo dell'impatto ambientale nel corso della vita di un prodotto o servizio. Il processo completo di LCA include la definizione di obiettivi e scopi, l'analisi dell'inventario, la valutazione dell'impatto e l'interpretazione. Nel caso di Better Cotton, una LCA autonoma stimerebbe la fase di produzione del cotone dell'impatto ambientale dei capi di cotone.

Better Cotton non prevede di commissionare o partecipare a una valutazione del ciclo di vita globale (LCA) autonoma di Better Cotton. Le LCA sono uno strumento utile per identificare i punti critici e le aree prioritarie di attenzione per una serie selezionata di indicatori ambientali. Le LCA pubblicate nel corso degli anni hanno, ad esempio, contribuito alla comprensione del settore di ciò che determina il cambiamento climatico dalla coltivazione del cotone e quali sono i modi migliori per mitigarlo.

Le LCA autonome, tuttavia, non sono uno strumento appropriato per effettuare confronti generali, a livello di sistema e globali tra i cotoni identificativi e il cotone convenzionale. Il fatto che il portafoglio di Better Cotton in termini di aree geografiche sia completamente diverso da quello del biologico o convenzionale e le stagioni di analisi variano significa che i risultati non sono comparabili. Il recente rapporto del gruppo di lavoro sulle materie prime per l'azione per il clima della Carta dell'industria della moda delle Nazioni Unite, "Identificazione delle fonti a basso tenore di carbonio delle fibre di cotone e poliestere", ha evidenziato questo problema.

L'inventario del ciclo di vita (LCI) è la parte di raccolta dati di LCA. LCI è la contabilità diretta di tutto ciò che è coinvolto nel "sistema" di interesse. Consiste nel monitoraggio dettagliato di tutti i flussi in entrata e in uscita dal sistema di prodotto, comprese le risorse o i materiali grezzi, l'energia per tipo, l'acqua e le emissioni nell'aria, nell'acqua e nel suolo per sostanza specifica. Una delle principali raccomandazioni del rapporto della Carta della moda al settore dell'abbigliamento e del tessile è quella di abbandonare le LCA autonome e utilizzare invece gli inventari del ciclo di vita (LCI) e criteri qualitativi relativi agli impatti sulla produzione.

Siamo d'accordo con l'adeguamento dell'attenzione agli LCI che possono fornire approfondimenti più tempestivi e granulari per seguire le tendenze e stimolare l'azione. Ci stiamo muovendo in quella direzione in linea con il Delta Framework con lo sviluppo di una metrica delle emissioni di GHG di cui riferiremo a livello nazionale. Nell'ultimo anno, abbiamo testato il robusto strumento di quantificazione dei gas serra di Cool Farm Tool.

Siamo inoltre d'accordo con la raccomandazione di integrare i dati LCI con criteri o misure qualitative. Gli LCI forniscono solo un sottoinsieme di ciò che è preoccupante quando si tratta di sostenibilità nella produzione di cotone. Le questioni socio-economiche – estremamente importanti per i milioni di persone coinvolte nella coltivazione del cotone – sono invisibili; altre questioni ambientali sono parzialmente coperte ma mancano di consenso scientifico, come la biodiversità e la tossicità dei pesticidi.

Better Cotton è incluso nell'indice di sostenibilità dei materiali Higg (MSI) come qualificatore chimico. Il punteggio di chimica di un materiale può essere ridotto aggiungendo Certificazioni di chimica. Si tratta di certificazioni e programmi che hanno presentato valutazioni e sono stati rivisti come parte dell'Higg MSI Chemistry Impact Framework. Maggiori informazioni sulle qualificazioni disponibili possono essere trovate sul sito web How to Higg.

I Qualificatori per la gestione della chimica possono essere aggiunti in due aree dell'Higg MSI:
• Nell'ambito della fase di produzione "Certificazioni chimiche" (livello materiale)
• Come parte della colonna "Certificazione chimica" in Opzioni di processo aggiuntive (livello di struttura e processo) - BCI è incluso a livello di processo
• Better Cotton Initiative (BCI) [Materia prima] dovrebbe essere selezionato quando la materia prima di cotone è cotone BCI.

per ulteriori informazioni

Roadmap per il cambiamento Leggi come la nostra teoria del cambiamento definisce gli impatti previsti e i percorsi per arrivarci.

Dimostrare risultati e impatti Comprendi come appare in pratica.