Generale Sostenibilità

Un nuovo rapporto pubblicato da Fondazione Transformers indaga sull'uso – e l'abuso – dei dati sulla sostenibilità del settore del cotone e mira a fornire a marchi, giornalisti, ONG, consumatori, fornitori e altri le competenze e la comprensione per utilizzare i dati in modo accurato e trasparente.

Il rapporto, Cotone: un caso di studio sulla disinformazione sfata alcuni dei "fatti" comunemente condivisi sulla produzione di cotone e tessile, come l'idea che il cotone sia un "raccolto assetato" intrinsecamente, o la quantità di acqua necessaria per creare una t-shirt. Affronta anche le affermazioni comunemente citate sull'uso di pesticidi nella coltivazione del cotone. In entrambi i casi – acqua e pesticidi – il rapporto mira a fornire indicazioni attuali e accurate insieme a consigli su come usarli senza fuorviare il pubblico.

Damien Sanfilippo, Senior Director di Better Cotton, Programs ha contribuito al rapporto ed è citato in tutto:

“Tutti hanno un interesse per i dati. E questo è un bene, perché significa che tutti hanno interesse per lo sviluppo sostenibile. Ma usare i dati correttamente è un'abilità. Destra? E deve essere fatto in modo scientifico”.

Gli autori terminano con una serie di inviti all'azione, tra cui:

  • Invia informazioni e nuovi dati alla fondazione
  • Rendere i dati sugli impatti ambientali open-source e disponibili al pubblico
  • Co-investire nel colmare le lacune nei dati
  • Stabilire un fact-checker globale sulla moda

Leggi il report qui.

Transformers Foundation 'rappresenta la filiera del denim: dagli agricoltori e fornitori di prodotti chimici alle fabbriche di denim e alle fabbriche di jeans'.

Condividi questa pagina