Di Alan McClay, Better Cotton, CEO

Una delle lezioni chiare della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici o della COP26 di Glasgow è che non andremo da nessuna parte senza lavorare insieme. D'altra parte, se riusciamo a impegnarci in una vera collaborazione, non c'è limite a ciò che possiamo ottenere.

L' Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDGs), per quanto imperfetti possano essere, sono un quadro molto potente per consentire una collaborazione migliore e più profonda, tra attori pubblici, privati ​​e della società civile, poiché tutti ci guidano nella stessa direzione. Attraverso il nostro approccio ai cambiamenti climatici e cinque ambiziosi obiettivi di impatto, la strategia 2030 di Better Cotton che sarà pubblicata a dicembre sostiene 11 dei 17 SDG. Poiché Glasgow ci ha mostrato quanto sia urgente e imperfetta la collaborazione per unirsi contro il cambiamento climatico e come dobbiamo andare oltre, guardiamo a come il quadro SDG e il Glasgow Climate Pact sono supportati dalla Better Cotton Strategy.

Alan McClay, Better Cotton, amministratore delegato

Tre temi generali del patto per il clima di Glasgow e come la strategia 2030 del cotone e l'approccio al cambiamento climatico migliori supportano i loro obiettivi

Priorità all'azione ora

Il patto per il clima di Glasgow sottolinea l'urgenza di intensificare l'azione e il sostegno per il clima, compresi i finanziamenti, lo sviluppo delle capacità e il trasferimento tecnologico, in linea con la migliore scienza disponibile. Solo se lo facciamo possiamo migliorare collettivamente la nostra capacità di adattamento, rafforzare la nostra resilienza e ridurre la nostra vulnerabilità agli impatti dei cambiamenti climatici. L'accordo sottolinea inoltre l'importanza di tenere conto delle priorità e delle esigenze dei paesi in via di sviluppo.

In che modo la strategia 2030 di Cotton Better lo supporta: Con la recente pubblicazione del nostro primo studio globale sulle emissioni di gas serra (GHG) condotto da Anthesis Group, disponiamo già di dati concreti che ci consentono di sviluppare percorsi mirati di riduzione delle emissioni per i diversi contesti locali di Better Cotton. Ora che abbiamo stabilito una base di riferimento per le emissioni di gas serra di Better Cotton, stiamo lavorando per incorporare più profondamente le pratiche di mitigazione nei nostri programmi, Principi e Criteri e perfezionare ulteriormente i nostri metodi di monitoraggio e rendicontazione. I dettagli sul nostro approccio al cambiamento climatico e sull'obiettivo di mitigazione saranno condivisi come parte della nostra strategia 2030.

L'importanza continua della collaborazione

In che modo la strategia 2030 di Cotton Better lo supporta: Giovani attivisti per il clima come Greta Thunberg hanno ispirato milioni di giovani in tutto il mondo a unirsi al loro appello per una maggiore azione sui cambiamenti climatici. Abbiamo sentito queste chiamate a Better Cotton.

Mentre finalizziamo il nostro approccio climatico e la nostra strategia 2030, stiamo sfruttando la nostra rete e le nostre partnership, ma, cosa ancora più importante, stiamo assicurando che le esigenze degli agricoltori e dei lavoratori agricoli siano centrate, in particolare per le donne, i giovani e altre popolazioni più vulnerabili. attraverso un dialogo continuo e rafforzato. Sono in fase di sviluppo nuovi approcci per ascoltare direttamente i lavoratori, ad esempio, mentre proviamo la tecnologia vocale dei lavoratori in Pakistan. Siamo concentrati sulla promozione di innovazioni a livello di campo che possono avvantaggiare direttamente questi individui, motivo per cui stiamo attingendo ai nostri quasi 70 partner a livello di campo in 23 paesi per progettare piani d'azione a livello nazionale sia per la mitigazione che per l'adattamento. Stiamo anche interagendo con un nuovo pubblico, in particolare i responsabili politici globali e nazionali per sostenere il cambiamento.

Questo articolo riconosce l'importante ruolo delle parti interessate non partitiche, compresa la società civile, le popolazioni indigene, le comunità locali, i giovani, i bambini, i governi locali e regionali e altre parti interessate, nel contribuire al progresso verso gli obiettivi dell'Accordo di Parigi.

Una transizione giusta che coinvolga attivamente i gruppi emarginati

L'introduzione al patto per il clima di Glasgow sottolinea l'importanza di garantire l'integrità di tutti gli ecosistemi, la protezione della biodiversità e l'importanza del concetto di "giustizia climatica" quando si agisce per affrontare il cambiamento climatico. L'articolo 93 si basa su questo, esortando le parti a coinvolgere attivamente i popoli indigeni e le comunità locali nella progettazione e nell'attuazione dell'azione per il clima.

In che modo la strategia 2030 di Cotton Better lo supporta: In un video discorso alla fine della COP26, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha riconosciuto i giovani, le comunità indigene, le donne leader e tutti coloro che guidano l'"esercito per l'azione per il clima". In Better Cotton, comprendiamo che i coltivatori di cotone e le loro comunità sono in prima linea in questo "esercito di azione per il clima" e continueranno a servirli prima di tutto. Ecco perché un 'Solo transizione' è uno dei tre pilastri del nostro approccio climatico.

Sappiamo che l'impatto del cambiamento climatico colpirà in modo sproporzionato coloro che sono già svantaggiati, a causa della povertà, dell'esclusione sociale, della discriminazione o di una combinazione di fattori. Per tutto il 2021, abbiamo parlato direttamente con agricoltori e lavoratori agricoli in India e Pakistan per comprendere meglio le sfide che devono affrontare e sviluppare nuove strategie che diano priorità alle preoccupazioni e alle voci dei piccoli coltivatori di cotone, nonché dei lavoratori agricoli e dei gruppi emarginati nell'agricoltura comunità.

Scopri di più sull'approccio climatico di Better Cotton, comprese cinque aree target di impatto, quando lanceremo la nostra strategia 2030 entro la fine dell'anno.

Condividi questa pagina