Sviluppo sostenibile: domande e risposte con Brice Lalonde

 
Brice Lalonde, ex consulente per la sostenibilità del Global Compact delle Nazioni Unite, ha costruito una carriera stimolante dedicata allo sviluppo sostenibile e all'ambiente. La sua professione lo ha visto lavorare con ONG ambientali, come ministro nel governo francese e come negoziatore sul cambiamento climatico, tra gli altri ruoli importanti.

Brice condividerà le sue conoscenze e intuizioni come relatore principale alla BCI 2018 Global Cotton Conference. Il suo discorso si concentrerà sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, su come stanno influenzando tutte le industrie e sulle implicazioni per l'agricoltura. Esplorerà anche come è probabile che il cambiamento climatico influenzi il processo decisionale nel prossimo decennio.

Abbiamo incontrato Brice prima della conferenza per avere i suoi pensieri su come dovremmo affrontare le sfide della sostenibilità.

  • How può lorosforzi di sviluppo sostenibileaffrontare alcune delle sfide di sostenibilità più urgenti al mondo?

Lo sviluppo sostenibile richiede un approccio olistico. Usando l'acqua come esempio (io lavoro nei settori dell'acqua e del clima) non puoi gestire l'acqua se non prendi in considerazione il quadro completo. Guardando a monte si hanno le caratteristiche ambientali del bacino idrografico; le condizioni meteorologiche, se c'è pioggia o siccità, se ci sono zone umide e foreste ripariali. Guardando a valle bisogna considerare come viene utilizzata l'acqua; la distribuzione efficiente ed equa dell'acqua agli abitanti delle città, agli agricoltori rurali, agli animali d'allevamento come i bovini, agli animali selvatici e alle industrie. Quindi dobbiamo considerare come puliamo l'acqua per riutilizzarla. Tutti questi elementi sono interconnessi. In alcuni luoghi del mondo, l'acqua è molto scarsa e il pompaggio eccessivo di acqua fossile sotterranea, sebbene visto come una soluzione immediata, potrebbe portare a disastri in futuro. Politiche sostenibili, cooperazione e collaborazione sono fondamentali per affrontare la sfida dell'acqua.

  • Pensi che gli sforzi multi-stakeholder possano essere efficaci nell'affrontare le sfide chiave della sostenibilità?

Credo che le alleanze multi-stakeholder siano il modo più efficace per affrontare le sfide della sostenibilità e penso che la Better Cotton Initiative sia un buon esempio di tale approccio. I negoziati intergovernativi possono essere lenti; gli stati nazione non sempre tollerano interferenze né alcuna forma di controllo sovranazionale e non possono agire oltre i propri confini. Pertanto, ci sono sfide. Costruire una coalizione internazionale di aziende, ONG, governi locali, università e media, tutti concentrati su obiettivi molto mirati con un proprio sistema di responsabilità è molto più efficace nell'affrontare le sfide chiave della sostenibilità. Gli stati nazione ora hanno fatto il loro lavoro. Hanno adottato i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile e hanno firmato l'Accordo di Parigi, che riunisce tutte le nazioni per la causa comune di intraprendere sforzi ambiziosi per combattere il cambiamento climatico e adattarsi ai suoi effetti. Sappiamo cosa vuole la comunità internazionale. All'interno di questo quadro speriamo di vedere un fiorire di progetti multi-stakeholder che uniranno la forza e le competenze di ciascun membro per affrontare le sfide chiave della sostenibilità.

  • BCI gestisce uno Standard olistico che incorpora elementi economici, sociali e ambientali di sostenibilità. Come vedi ciascuno di questi elementi che lavorano insieme per influenzare un cambiamento reale e duraturo?

Non c'è modo di affrontare le sfide del mondo se le diverse dimensioni dello sviluppo sostenibile non sono intrecciate adeguatamente. In un angolo del triangolo, la vita della popolazione e le loro economie sono immerse nella natura. Se la natura viene distrutta, il modello di una società e le basi per l'economia saranno rovinate. Nel secondo angolo del triangolo, una società stabile e sana è collegata a un'economia fiorente e hai bisogno di un'economia forte per proteggere l'ambiente. La giustizia sociale e l'equità di genere sono probabilmente le condizioni più importanti affinché le persone si sentano utili alla comunità e siano felici di essere in quella comunità. C'è un forte rischio di disordini se le disuguaglianze si ampliano e se le persone sono svantaggiate. E nel terzo angolo del triangolo, una società ha bisogno di creare ricchezza a lungo termine. Oggi molte aziende vogliono contribuire al bene comune perseguendo la loro missione. Sebbene abbiano un vincolo: non perdere denaro. Possiamo vedere che ogni punto del triangolo è connesso e tutti gli elementi della sostenibilità hanno un impatto l'uno sull'altro.

Unisciti a noi per la BCI 2018 Global Cotton Conference.
Verso il 2030: ridimensionamento dell'impatto attraverso la collaborazione
Bruxelles, Belgio | 26 – 28 giugno
Registrati qui.

Leggi di più

Sviluppo sostenibile: domande e risposte con Brice Lalonde

Brice Lalonde, ex consulente per la sostenibilità del Global Compact delle Nazioni Unite, ha costruito una carriera stimolante dedicata allo sviluppo sostenibile e all'ambiente. La sua professione lo ha visto lavorare con ONG ambientali, come ministro nel governo francese e come negoziatore sul cambiamento climatico, tra gli altri ruoli importanti.

Brice condividerà le sue conoscenze e intuizioni come relatore principale alla BCI 2018 Global Cotton Conference. Il suo discorso si concentrerà sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, su come stanno influenzando tutte le industrie e sulle implicazioni per l'agricoltura. Esplorerà anche come è probabile che il cambiamento climatico influenzi il processo decisionale nel prossimo decennio.

Abbiamo incontrato Brice prima della conferenza per avere i suoi pensieri su come dovremmo affrontare le sfide della sostenibilità.

 

How può lorosforzi di sviluppo sostenibileaffrontare alcune delle sfide di sostenibilità più urgenti al mondo?

Lo sviluppo sostenibile richiede un approccio olistico. Usando l'acqua come esempio (io lavoro nei settori dell'acqua e del clima) non puoi gestire l'acqua se non prendi in considerazione il quadro completo. Guardando a monte si hanno le caratteristiche ambientali del bacino idrografico; le condizioni meteorologiche, se c'è pioggia o siccità, se ci sono zone umide e foreste ripariali. Guardando a valle bisogna considerare come viene utilizzata l'acqua; la distribuzione efficiente ed equa dell'acqua agli abitanti delle città, agli agricoltori rurali, agli animali d'allevamento come i bovini, agli animali selvatici e alle industrie. Quindi dobbiamo considerare come puliamo l'acqua per riutilizzarla. Tutti questi elementi sono interconnessi. In alcuni luoghi del mondo, l'acqua è molto scarsa e il pompaggio eccessivo di acqua fossile sotterranea, sebbene visto come una soluzione immediata, potrebbe portare a disastri in futuro. Politiche sostenibili, cooperazione e collaborazione sono fondamentali per affrontare la sfida dell'acqua.

 

Pensi che gli sforzi multi-stakeholder possano essere efficaci nell'affrontare le sfide chiave della sostenibilità?

Credo che le alleanze multi-stakeholder siano il modo più efficace per affrontare le sfide della sostenibilità e penso che la Better Cotton Initiative sia un buon esempio di tale approccio. I negoziati intergovernativi possono essere lenti; gli stati nazione non sempre tollerano interferenze né alcuna forma di controllo sovranazionale e non possono agire oltre i propri confini. Pertanto, ci sono sfide. Costruire una coalizione internazionale di aziende, ONG, governi locali, università e media, tutti concentrati su obiettivi molto mirati con un proprio sistema di responsabilità è molto più efficace nell'affrontare le sfide chiave della sostenibilità. Gli stati nazione ora hanno fatto il loro lavoro. Hanno adottato i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile e hanno firmato l'Accordo di Parigi, che riunisce tutte le nazioni per la causa comune di intraprendere sforzi ambiziosi per combattere il cambiamento climatico e adattarsi ai suoi effetti. Sappiamo cosa vuole la comunità internazionale. All'interno di questo quadro speriamo di vedere un fiorire di progetti multi-stakeholder che uniranno la forza e le competenze di ciascun membro per affrontare le sfide chiave della sostenibilità.

 

BCI gestisce uno Standard olistico che incorpora elementi economici, sociali e ambientali di sostenibilità. Come vedi ciascuno di questi elementi che lavorano insieme per influenzare un cambiamento reale e duraturo?

Non c'è modo di affrontare le sfide del mondo se le diverse dimensioni dello sviluppo sostenibile non sono intrecciate adeguatamente. In un angolo del triangolo, la vita della popolazione e le loro economie sono immerse nella natura. Se la natura viene distrutta, il modello di una società e le basi per l'economia saranno rovinate. Nel secondo angolo del triangolo, una società stabile e sana è collegata a un'economia fiorente e hai bisogno di un'economia forte per proteggere l'ambiente. La giustizia sociale e l'equità di genere sono probabilmente le condizioni più importanti affinché le persone si sentano utili alla comunità e siano felici di essere in quella comunità. C'è un forte rischio di disordini se le disuguaglianze si ampliano e se le persone sono svantaggiate. E nel terzo angolo del triangolo, una società ha bisogno di creare ricchezza a lungo termine. Oggi molte aziende vogliono contribuire al bene comune perseguendo la loro missione. Sebbene abbiano un vincolo: non perdere denaro. Possiamo vedere che ogni punto del triangolo è connesso e tutti gli elementi della sostenibilità hanno un impatto l'uno sull'altro.

 

Unisciti a noi per la BCI 2018 Global Cotton Conference.

Verso il 2030: ridimensionamento dell'impatto attraverso la collaborazione

Bruxelles, Belgio | 26 – 28 giugno

Registrati qui.

Leggi di più

Condividi questa pagina