Better Cotton riunisce i marchi di moda globali per garantire la tracciabilità del cotone

Il nuovo pannello di tracciabilità investe oltre 1 milione di sterline in innovazioni nella catena di approvvigionamento.

Better Cotton ha convocato un gruppo di importanti rivenditori e marchi internazionali per consentire la fornitura di nuove soluzioni di tracciabilità e dare maggiore visibilità alla catena di approvvigionamento del cotone. Questi includono nomi come Marks & Spencer (M&S), Zalando e BESTSELLER.

Il panel ha raccolto una prima tranche di finanziamento di 1 milione di sterline. Lavorerà con fornitori, ONG ed esperti indipendenti nell'assicurazione della catena di approvvigionamento per sviluppare un approccio che soddisfi le pressanti esigenze dell'industria odierna.

La tracciabilità all'interno della filiera del cotone diventerà presto un "must" del mercato con i legislatori di entrambe le sponde dell'Atlantico che si stanno muovendo per inasprire le regole. Le nuove regole presentate a marzo dalla Commissione europea mirano a proteggere meglio i consumatori dalle false affermazioni ambientali e a introdurre il divieto di greenwashing.

Ad esempio, i venditori non potranno apporre un'etichetta di sostenibilità sul proprio prodotto se non vi è alcuna certificazione o riconoscimento da parte di un'autorità pubblica per questo. Vieta inoltre ai venditori di fare affermazioni ambientali generiche come "ecocompatibili" o "verdi" se non possono dimostrare le prestazioni ambientali.

Molti rivenditori di moda semplicemente non sanno da dove viene il cotone nei loro vestiti. Le ragioni per non sapere sono numerose e, in molti casi, legittime. Questo pannello di tracciabilità è un passo importante per affrontare le ragioni alla base di questa incapacità di risalire alla fonte. Intendiamo affrontare direttamente i problemi di approvvigionamento e proprietà intellettuale. Una maggiore garanzia della catena di approvvigionamento ha un costo, poiché la verifica dell'origine esatta di un indumento richiede più controlli e controlli, quindi l'investimento di risorse aggiuntive sarà fondamentale.

Il comitato per la tracciabilità del cotone migliore affronterà tutti gli aspetti della filiera del cotone, dagli agricoltori sul campo alla produzione fino al consumatore. Better Cotton ha finora raccolto input da oltre 1,500 organizzazioni che hanno chiarito che la tracciabilità è fondamentale per l'azienda in tutto il settore, ma anche che i rivenditori e i marchi devono integrare la sostenibilità e tracciabilità nelle loro pratiche commerciali standard. I risultati di questa ricerca hanno evidenziato che l'84% ha indicato un'esigenza aziendale di sapere dove veniva coltivato il cotone nei loro prodotti. Infatti, 4 fornitori su 5 intervistati hanno cercato di beneficiare di un sistema di tracciabilità migliorato. Attualmente solo il 15% delle aziende di abbigliamento afferma di avere piena visibilità delle materie prime che entrano nei loro prodotti secondo un recente studio di KPMG.

Avendo lavorato in collaborazione con Better Cotton per oltre un decennio, in M&S siamo stati in prima linea nell'approvvigionamento di cotone più responsabile. Abbiamo rispettato il nostro impegno di raggiungere il 100% di cotone proveniente da fonti responsabili nei nostri capi di abbigliamento nel 2019, ma c'è ancora del lavoro da fare per migliorare la tracciabilità. Siamo orgogliosi di far parte del gruppo di tracciabilità di Better Cotton, che contribuirà ad accelerare ulteriormente i progressi nel settore.

Nello specifico, Better Cotton e il nuovo panel forniranno investimenti sostanziali per:

  • Sviluppare ulteriormente le disposizioni esistenti per la tracciabilità dall'azienda agricola al gin per sostenere la tracciabilità fisica
  • Per renderlo possibile, sfrutta la sua piattaforma commerciale esistente per monitorare il movimento di un quarto del cotone mondiale attraverso 8000 organizzazioni. Tracciare completamente il cotone che entra nel sistema entro pochi anni. 
  • Utilizzare diverse soluzioni tecnologiche e accordi di credibilità per distinguere chiaramente il paese di origine inizialmente e le pratiche ambientali e sociali dei coltivatori alla fine.
  • Creare nuovi meccanismi di mercato che portino valore agli agricoltori, ad esempio premiandoli per il sequestro del carbonio.
  • Concentrarsi sugli agricoltori, grandi e piccoli, che forniscono formazione, garantiscono condizioni di lavoro adeguate, li aiutano ad accedere a finanziamenti preferenziali e garantiscono la loro capacità di entrare nelle catene del valore internazionali.

I consumatori di moda richiedono sempre più di conoscere la provenienza dei loro acquisti e in Zalando miriamo a offrire questo livello di trasparenza più profondo ai nostri clienti. Siamo tutti consapevoli della complessità di questo problema all'interno del nostro settore e iniziative come il pannello di tracciabilità Better Cotton contribuiranno ad accelerare i progressi, con azioni a sostegno della crescita sostenibile del business per tutta la catena di approvvigionamento. Ciò include la definizione di obiettivi ambiziosi e la garanzia che vengano attuati tempestivamente.

Better Cotton e i suoi partner hanno anche formato oltre 2.5 milioni di agricoltori in 25 paesi, avendo raccolto 99 milioni di euro dal 2010 per finanziare lo sviluppo delle capacità e altre attività sul campo. Si prevede che questo aumenterà a poco più di 125 milioni di euro entro la stagione 2021-22.

Scopri di più sul percorso di tracciabilità di Better Cotton.

I membri di Better Cotton possono partecipare alla nostra prossima serie di webinar sulla tracciabilità, che inizierà il 26 maggio. Registrati qui.

Leggi di più

Richiesta informazioni (RFI): Soluzioni per la tracciabilità del cotone

Mentre Better Cotton entra nella sua prossima fase strategica, per realizzare la nostra visione per il 2030 e guidare il cambiamento sul campo per gli agricoltori, Better Cotton consentirà di tracciare Better Cotton attraverso la rete di approvvigionamento globale. Lo scopo di questa richiesta è raccogliere ulteriori informazioni sulle capacità di una determinata soluzione di tracciabilità per produrre un elenco ristretto di fornitori che saranno quindi invitati a partecipare a una richiesta di proposta.

Leggi di più

Richiesta informazioni (RFI): Soluzioni per la tracciabilità del cotone

Mentre Better Cotton entra nella sua prossima fase strategica, per realizzare la nostra visione per il 2030 e guidare il cambiamento sul campo per gli agricoltori, Better Cotton consentirà di tracciare Better Cotton attraverso la rete di approvvigionamento globale. Lo scopo di questa richiesta è raccogliere ulteriori informazioni sulle capacità di una determinata soluzione di tracciabilità per produrre un elenco ristretto di fornitori che saranno quindi invitati a partecipare a una richiesta di proposta.

Leggi di più

Il cotone migliore appare nelle notizie sull'ecotessile che parlano di piani per una soluzione di tracciabilità fisica

L'8 dicembre 2021, Ecotextile News ha pubblicato "Better Cotton pianifica un sistema di tracciabilità da 25 milioni di euro", parlando con Alia Malik, Senior Director of Data and Traceability, e Josh Taylor, Senior Traceability Coordinator, della nostra collaborazione in tutto il settore e dei piani a lungo termine per sviluppare la completa tracciabilità fisica nella filiera del cotone.

Innovare verso la completa tracciabilità fisica

Mentre stiamo imparando dalle soluzioni di tracciabilità esistenti, comprendiamo anche che raggiungere la piena tracciabilità fisica è un lavoro estremamente ambizioso e molto complesso che richiederà nuovi approcci per soddisfare le esigenze lungo la filiera del cotone. Abbiamo stimato che il progetto richiederà un finanziamento di 25 milioni di euro in quattro anni e sarà lanciato entro la fine del 2023 per integrare l'attuale sistema di bilancio di massa.

Better Cotton lancerà una piattaforma di tracciabilità digitale. Quindi ora andremo per la grande grande innovazione.

Alia Malik, Better Cotton, Direttore senior dei dati e della tracciabilità

Collaborare in tutto il settore

Better Cotton ha lavorato a stretto contatto con un gruppo di rivenditori e marchi dallo scorso anno per capire come possiamo fornire la tracciabilità nel modo più significativo per i nostri membri e per facilitare l'inclusione dei produttori in catene del valore internazionali sempre più regolamentate collegando la catena di approvvigionamento attraverso tracciabilità. Comprendiamo che la collaborazione continua sarà essenziale per ispirare, influenzare e imparare dalle nostre partnership.

ISEAL è molto interessato a questo perché, con il mutevole panorama normativo, molti sistemi standard diversi al di fuori dell'abbigliamento, così come in esso, stanno esaminando quali modifiche devono apportare per supportare una migliore tracciabilità. Quindi è qualcosa che abbiamo l'opportunità di guidare e di aiutare a modellare per il settore.

Leggi tutto Articolo di Ecotextile News, “Better Cotton prevede un sistema di tracciabilità da 25 milioni di euro”.

Leggi di più

Esplorazione della tracciabilità: cosa stiamo facendo per rendere migliore la tracciabilità del cotone

La Better Cotton Initiative è stata fondata con una chiara visione di rendere le pratiche sostenibili nella produzione di cotone la norma in tutto il mondo. Per avere un impatto così grande, la chiave è stata la rapida scalabilità del nostro programma. Con questo in mente, abbiamo creato un framework di Chain of Custody (CoC) che incorpora il concetto di "bilancio di massa” – un sistema di monitoraggio del volume ampiamente utilizzato che consente di sostituire o miscelare Better Cotton con cotone convenzionale a condizione che i volumi equivalenti provengano da Better Cotton.

Oggi, BCI è il più grande programma di sostenibilità del cotone al mondo, con oltre 10,000 attori della catena di approvvigionamento che utilizzano la nostra Better Cotton Platform. Il bilancio di massa ha consentito la rapida crescita della quantità di cotone proveniente da Better Cotton, facilitando allo stesso tempo gli agricoltori ad attuare pratiche migliori per produrre in modo più sostenibile. Ma mentre il nostro mondo progredisce, riconosciamo che è tempo di esplorare andando oltre questo modello CdC di bilancio di massa per offrire una tracciabilità completa e un valore ancora maggiore agli agricoltori e alle aziende Better Cotton.

La crescente domanda di tracciabilità

Cosa intendiamo esattamente per "tracciabilità"? Sebbene ci siano molti modelli diversi per l'implementazione e l'uso, essenzialmente il principio è nel nome: la "capacità di tracciare" qualcosa. Nel nostro caso, cotone. Per Better Cotton, ciò significa che, come minimo, cerchiamo di determinare la regione in cui è stato prodotto il cotone da seme e identificare le imprese coinvolte nella sua trasformazione in un prodotto finito.

Questo non è mai stato così importante come lo è ora. Poiché la legislazione che richiede alle aziende di dimostrare la conoscenza delle loro catene di approvvigionamento sta diventando sempre più comune in tutto il mondo, alle aziende non viene chiesto solo di saperne di più sulle origini dei loro materiali, ma anche sulle condizioni in cui vengono prodotti. La crescente attenzione dei media e degli accademici sulle questioni geopolitiche, compreso il trattamento dei musulmani uiguri nell'area cinese dello Xinjiang, ha ulteriormente dimostrato che il luogo di produzione e la sostenibilità sono strettamente interconnessi.

Dato questo ambiente operativo in rapida evoluzione, i rivenditori e i marchi devono integrare sia la sostenibilità e tracciabilità nelle loro pratiche commerciali standard. BCI offre già alle aziende un modo potente per supportare pratiche agricole sostenibili e mezzi di sussistenza degli agricoltori, e ora stiamo concentrando la nostra attenzione anche sul rendere più tracciabili le catene di approvvigionamento del cotone.

Vantaggi della tracciabilità

Fino ad ora, i costi rispetto ai benefici dello sviluppo di un sistema di tracciabilità per Better Cotton hanno impedito questo lavoro, ma poiché la bilancia va nella direzione opposta, siamo in una posizione privilegiata per implementare un sistema di tracciabilità globale per soddisfare le esigenze dei membri e supportarci nel realizzare la nostra missione.

Ciò è dovuto allo spostamento di significato dei benefici offerti dalla tracciabilità, che in tutti e tre i principali ambiti stanno aumentando ad ogni livello della filiera:

  • Efficienza: contributi nella rendicontazione delle parti interessate, gestione dell'inventario e della merce, abilitazione strategica dell'approvvigionamento, controllo dei processi e gestione dei dati
  • Gestione del rischio: contributi alla conformità normativa, monitoraggio dell'impatto, pianificazione di emergenza, previsione
  • Innovazione: contributi al coinvolgimento dei consumatori, economia circolare e rivendita, collaborazione, automazione e miglioramento dei processi, comunità di pratica e apprendimento, analisi del mercato

Una maggiore visibilità delle catene di approvvigionamento significa anche che i rivenditori e i marchi possono assumersi maggiori responsabilità e lavorare per affrontare eventuali problemi che possono incontrare, come lavoro forzato, cattive pratiche agricole e altro ancora.

Sfide per l'implementazione della tracciabilità

Implementare la tracciabilità non è un'impresa facile. Non si tratta semplicemente di ampliare i processi esistenti: sebbene possiamo utilizzare la partecipazione esistente dei membri della Better Cotton Platform come trampolino di lancio, lo sviluppo di una tracciabilità completa richiederà investimenti sostanziali, soprattutto perché lavoriamo per muoverci rapidamente su questi sviluppi.

Sfide principali

  • Risorse addizionali: Ciò include, per gli attori della catena di approvvigionamento, le spese per lo sviluppo di sistemi di controllo interno, potenziali implicazioni sui costi derivanti da una fornitura limitata quando molte aziende richiedono contemporaneamente cotone tracciabile e significativi requisiti di risorse associate per BCI. Anche un livello più elevato di garanzia della catena di approvvigionamento ha un costo, poiché la verifica delle origini esatte di un capo richiede molti più controlli e controlli.
  • Problemi di approvvigionamento e proprietà intellettuale: Creare le giuste miscele di filati e tessuti spesso richiede l'approvvigionamento da diversi paesi di origine, rendendo molto improbabile l'idea di "risalente alla fattoria" e che si tratti di una sola fattoria, o addirittura di un paese. Le preoccupazioni sulla protezione della proprietà intellettuale aggiungono un altro livello di complessità.
  • Allineamento con i sistemi di tracciabilità esistenti: Molte aziende e altre iniziative hanno iniziato a sviluppare i propri sistemi di tracciabilità. Il sistema che svilupperemo dovrà allinearsi ed eventualmente interfacciarsi con i sistemi di tracciabilità esistenti, dalle aziende, per diverse soluzioni tecnologiche e programmi del paese di origine, che richiederanno una grande collaborazione e coordinamento.
  • Supporto completo per i membri: Ultimo, ma certamente non meno importante, dobbiamo garantire il supporto di tutte le categorie di membri BCI per portare avanti i nostri piani di tracciabilità.

Cosa stiamo facendo adesso

A luglio 2020 abbiamo avuto la prima riunione del nostro nuovo multi-stakeholder Gruppo consultivo della catena di custodiae hanno iniziato a ricevere input sui requisiti prioritari e sulle domande chiave. Stiamo anche cercando finanziamenti per la prima fase e questa settimana abbiamo avviato l'assunzione di ulteriori risorse di personale per svolgere questo lavoro.

Con i vantaggi e le sfide della creazione di un sistema di tracciabilità Better Cotton, abbiamo sviluppato un piano di alto livello per andare avanti in quattro fasi distinte:

  • Configurazione e pianificazione
  • Sviluppo e pilotaggio
  • Coinvolgimento degli stakeholder e roll-out
  • Monitoraggio della conformità e mantenimento delle prestazioni

Con i giusti finanziamenti e risorse, prevediamo che una soluzione potrebbe essere pronta già nel 2022, dopo il pilotaggio alla fine del 2021.

Mentre ci addentriamo nella prima fase della pianificazione, ci stiamo consultando con altri membri e parti interessate per identificare i requisiti della soluzione, inclusi elementi di dati chiave, interfacce, modelli operativi, accordi di finanziamento e strutture di governance. Stiamo anche facendo un budget dettagliato e un piano di progetto. Sulla base del feedback delle parti interessate, dei finanziamenti disponibili e della probabilità di successo a lungo termine, determineremo quindi quale linea di azione intraprenderemo, con la consapevolezza di aver esplorato le opzioni in collaborazione con i nostri membri.

Unisciti a noi mentre costruiamo sul bilancio di massa per offrire più valore

Mentre stiamo lavorando su questo nuovo modello CdC tracciabile, è importante notare che non ci stiamo liberando del tutto del nostro attuale sistema di bilancio di massa. Il bilancio di massa ha un ruolo importante da svolgere nel raggiungere una scala di sostenibilità per le aziende e gli agricoltori di tutto il mondo. Vogliamo semplicemente costruire su questa base per offrire ai nostri rivenditori e ai membri del marchio una maggiore visibilità dell'intera catena di approvvigionamento, per coloro che lo desiderano, il che alla fine ci avvicina alla nostra visione di rendere la sostenibilità nel cotone la norma.

Ora è il momento di iniziare questo lavoro. Esamineremo i membri e le altre parti interessate nel nuovo anno: fai attenzione a questi inviti e condividi il tuo contributo. Questa settimana stiamo anche iniziando il reclutamento per supportare questo lavoro: tieni d'occhio il Lavori alla pagina BCI.

Leggi di più

Chiudere il cerchio sulla tracciabilità

BCI sta ora implementando la fase finale per stabilire la tracciabilità online end-to-end per i prodotti Better Cotton.

Nel gennaio 2016, BCI ha aggiunto i produttori di abbigliamento al suo sistema di tracciabilità, il Better Cotton Tracer. Questa aggiunta ha segnato il completamento della tracciabilità "end-to-end", consentendo a BCI di verificare i volumi di Better Cotton acquistati dai nostri rivenditori e marchi attraverso prodotti e fornitori dal campo al negozio.

Lo sviluppo di Better Cotton Tracer è iniziato nel 2013. Inizialmente, sgranatrici, commercianti, filatori e rivenditori e marchi erano gli unici attori della catena di approvvigionamento ad avere accesso al Tracer. In un periodo inferiore a tre anni, il sistema è stato sviluppato per includere fabbriche di tessuti, società di import-export, commercianti di filati e tessuti e infine produttori di abbigliamento, in modo che tutti gli attori della catena di approvvigionamento possano ora registrare le loro transazioni.

”Il Better Cotton Tracer è il sistema di tracciabilità end-to-end più utilizzato e unico del suo genere nell'industria del cotone. Qualsiasi sgranatore, commerciante, fornitore, agente o rivenditore può utilizzare il nostro sistema, indipendentemente da dove si trovi nel mondo, per qualsiasi materia prima o prodotto finito correlato a Better Cotton: dai semi di cotone alle t-shirt. È semplice, snello e facile da usare, che sono le chiavi per lo sviluppo di un sistema che potrebbe essere utilizzato da un sgranatore in Africa, un fornitore in Turchia o un rivenditore a San Francisco con la stessa facilità", afferma il responsabile della catena di approvvigionamento di BCI, Kerem Sarale.

La tracciabilità end-to-end semplifica il processo amministrativo per l'approvvigionamento di Better Cotton, in particolare per i rivenditori e i membri del marchio che guidano l'adozione di Better Cotton. Avere un sistema di tracciabilità end-to-end consente al rivenditore BCI e ai membri del marchio di ricevere documentazione e informazioni sul volume di Better Cotton che acquistano elettronicamente. La maggiore semplicità per i membri di BCI aiuta a sostenere l'obiettivo di stabilire Better Cotton come una soluzione mainstream responsabile.

Il Better Cotton Tracer registra la quantità di Better Cotton proveniente da qualsiasi utente nella catena di approvvigionamento. Gli attori della catena di approvvigionamento registrano il numero di Better Cotton Claim Unit (BCCU) che hanno ricevuto con un prodotto, come il filato, e allocano queste unità al prodotto venduto all'attore successivo, come il tessuto, in modo che l'importo "assegnato" non superare l'importo "ricevuto". Sebbene l'attuale sistema di BCI non rintracci fisicamente Better Cotton attraverso la catena di approvvigionamento, la tracciabilità end-to-end rafforza la credibilità delle affermazioni di Better Cotton fatte dal nostro rivenditore e dai membri del marchio.

Per saperne di più sulla catena di custodia di BCI, guarda il nostro brevevideo.

Leggi di più

H&M 'rende alla moda la sostenibilità'

BCI Pioneer Member, H&M, ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sostenibilità per il 2014. I punti salienti del rapporto includono:

  • Quasi triplicando il loro approvvigionamento di cotone più sostenibile in tre anni.
  • Il 2% del cotone che usano è certificato Better Cotton, Organic o Recycled.
  • Aggiungere fornitori di tessuti e filati alla loro base di approvvigionamento, facendo un importante passo avanti nella creazione di trasparenza della catena di approvvigionamento.
  • I materiali più sostenibili rappresentano ora il 14% dell'uso totale dei materiali dei prodotti.

Il rapporto mostra l'impegno di H&M nel trovare soluzioni più sostenibili per l'industria della moda. Descrive in dettaglio i loro progressi fino ad oggi in un viaggio verso "rendere la moda sostenibile e la sostenibilità alla moda".

Il rapporto presenta un'intervista con il CEO di H&M Karl-Johan Persson, in cui parla della trasparenza e delle partnership necessarie per guidare un vero cambiamento nella creazione di un'azienda più sostenibile a lungo termine.

In qualità di membro BCI Pioneer, H&M si è impegnata a reperire tutto il cotone da "fonti più sostenibili" (inclusi Better Cotton, Organic e Recycled) entro il 2020. Per leggere il rapporto online, che include un video di sintesi e un pdf scaricabile, clicca qui.

Leggi di più

Better Cotton introduce le fabbriche di tessuti al sistema di tracciabilità

Nel nostro sforzo di promuovere continuamente una maggiore tracciabilità per Better Cotton, stiamo introducendo gli account utente per le fabbriche di tessuti nel Better Cotton Tracer. Inizialmente, questo verrà eseguito come pilota. Il cambiamento significherà che per la prima volta le fabbriche di tessuti entreranno a far parte della catena di tracciabilità Better Cotton, consentendo ai rivenditori e ai marchi BCI di tracciare i propri acquisti di cotone in modo più accurato e trasparente.

Nel 2013, BCI, in collaborazione con ChainPoint, ha introdotto una piattaforma di tracciabilità online utilizzabile da sgranatrici, filatori e rivenditori per registrare gli acquisti e le vendite di Better Cotton – Better Cotton Tracer.

La nuova categoria pilota consente alle fabbriche di tessuti di accedere al Better Cotton Tracer per un anno. Questo accesso consentirà ai rivenditori membri di BCI di monitorare più facilmente l'uso di Better Cotton mentre si sposta lungo la catena di approvvigionamento, aumentando la trasparenza. In alcuni casi, per la prima volta, i rivenditori avranno piena visibilità dal campo al tessuto. Gli aggiornamenti al sistema non daranno ancora l'opzione di "Migliori prodotti in cotone", ma porteranno BCI un passo più vicino alla possibilità che la completa tracciabilità fisica diventi un'opzione per i rivenditori e i membri del marchio nel 2016.

Ruchira Joshi, BCI Director of Programs – Demand, afferma: “BCI mira a reclutare 250 aziende tessili come utenti nel 2015, prima di valutare il successo della categoria di aziende tessili. Ci auguriamo che estendendo l'uso del Better CottonTracer a diversi attori, BCI contribuirà a relazioni più fiduciose tra questi attori e un settore del cotone più trasparente nel suo insieme”.

 

Maggiori dettagli sono disponibili presso il Membership Team di BCI contattando [email protected]

Leggi di più

Maggiore tracciabilità per il cotone brasiliano

Partner di BCI, l'Associazione dei coltivatori di cotone brasiliani (ABRAPA) ha annunciato che implementerà un database nazionale sulla qualità del cotone: come parte del programma standard HVI del cotone esistente sviluppato da ABRAPA, questo database renderà il Brasile solo il secondo paese al mondo, insieme al Stati Uniti, per fornire tali livelli di trasparenza e garanzia di qualità nella produzione di cotone. Il database fornirà analisi in tempo reale sulla produzione e sulla qualità delle balle di cotone prodotte in Brasile ogni anno, aumentando notevolmente la tracciabilità e la garanzia di qualità della catena di approvvigionamento del cotone in Brasile.

"La creazione di un database nazionale sulla qualità del cotone è un passo importante verso il raggiungimento del nostro obiettivo di trasparenza al 100% dei risultati di qualità HVI per il cotone prodotto in Brasile.” ha detto il presidente ABRAPA Gilson Pinesso. “La capacità di fornire agli acquirenti dati accurati e tempestivi sulla qualità del cotone aumenterà direttamente la fiducia del mercato nella fibra prodotta dai nostri membri, mentre la maggiore trasparenza e tracciabilità andrà a beneficio di ogni membro della catena del valore, dall'azienda agricola al rivenditore."

Il National Cotton Database è una delle tre componenti principali del Programma Standard Cotton HVI, insieme alla costruzione di un laboratorio di riferimento centrale e all'implementazione del programma di certificazione di laboratori internazionali gestito da ICA Bremen, un centro internazionale di eccellenza per i test del cotone, ricerca e formazione di qualità.

ABRAPA è partner di BCI in Brasile dal 2010. È diventato un partner strategico nel 2014 dopo aver completato un esercizio di benchmarking che ha allineato il programma ABR (Responsible Brazilian Cotton) di ABRAPA con il Better Cotton Standard. Ciò significa che il cotone prodotto secondo lo standard ABR può essere venduto come Better Cotton, aumentando l'offerta globale. Per saperne di più sul lavoro di BCI in Brasile, clicca qui.

Leggi di più

Condividi questa pagina