Woolworths e fornitori lavorano per soddisfare un migliore obiettivo di cotone

Nel 2005, Woolworths ha lanciato una strategia aziendale responsabile nota come "The Good Business Journey", che si concentra in parte sulle fibre sostenibili. Durante l'implementazione della strategia, Woolworths ha identificato il cotone come la parte più importante della sua impronta di fibra nell'abbigliamento. Oltre al cotone organico, Woolworths aveva bisogno di ulteriori elementi di cotone sostenibile per raggiungere i propri obiettivi.

"BCI ha soddisfatto al meglio le nostre esigenze perché parla in modo migliore di tutti gli aspetti della coltivazione del cotone", ha affermato Hugo Lemon, Product Technologist, Woolworths (Pty) Ltd.

Woolworths è entrata a far parte di BCI nel luglio 2014 con l'obiettivo di convertire il 15% dei suoi filamenti di cotone in Better Cotton entro il 2017. Raggiungere l'obiettivo ha significato collaborare con i fornitori, in particolare nell'Africa meridionale, per aumentare la loro capacità di fornire Better Cotton, un processo che ha richiesto un poco più di un anno. "Un approccio collaborativo e di trasformazione congiunto ha reso questo lavoro più facile e ha portato a un fermo impegno come azienda a sforzarsi continuamente di fare le cose in un modo migliore", ha affermato Lemon.

Woolworths ha selezionato la sua base di fornitura per la sua capacità di servire un ampio spettro di categorie di prodotti, con l'intento specifico di convertire grandi linee di corsa in contenuto Better Cotton. Insieme a questi notevoli sforzi fino ad oggi, Woolworths continua a lavorare con i propri fornitori a livello globale per sviluppare una rete di fornitura più ampia di Better Cotton.

Prilla 2000, uno dei fornitori di Woolworths, è stato un partner prezioso nel rendere l'approvvigionamento di Better Cotton una realtà. Prilla, la più grande filatura indipendente del Sud Africa, è entrata a far parte di BCI nel febbraio 2015 in risposta alla domanda dei rivenditori, come Woolworths, di cotone sostenibile.

Prilla lavora a stretto contatto con i suoi mercanti per assicurarsi balle di Better Cotton. Prilla, da tempo buyer del cotone CmiA (Cotton made in Africa), ha approfittato dell'accordo di benchmarking tra AbTF (Aid by Trade Foundation) e BCI. Ora hanno iniziato a utilizzare il cotone CmiA come CmiA-BCI per soddisfare gli ordini Better Cotton dei loro clienti.

Gli obiettivi Better Cotton di Prilla si concentrano sul supporto della domanda dei clienti in Sud Africa. Finora hanno avuto successo nella regione e sperano di espandere il loro programma a coltivatori e rivenditori in altre parti del mondo.

Leggi di più