Supply Chain

Dopo i primi 6 mesi di successo di Piano A 2020 di Marks e Spencer, il membro BCI Pioneer ha rilasciato un aggiornamento semestrale. Il rapporto evidenzia che quasi un terzo del cotone acquistato da Marks and Spencer quest'anno è stato coltivato secondo gli standard BCI. Ciò equivale a una quantità di cotone sufficiente per produrre circa 50 milioni di prodotti, tra cui biancheria intima, uniformi scolastiche, vestiti e biancheria da letto.

Mike Barry, Direttore del Piano A, afferma: “Sono stati i primi sei mesi entusiasmanti per il Piano A 2020. Ci sta aiutando ad alzarci e ad agire sulle sfide del retail sostenibile di oggi e di domani. I nostri prodotti stanno diventando più sostenibili, stiamo testando nuove tecnologie che potrebbero trasformare le nostre operazioni future e stiamo sostenendo cause che fanno davvero la differenza per il futuro per i nostri clienti e le comunità locali in cui operiamo”.

Il piano A è stato originariamente lanciato nel 2007 come piano ecologico ed etico di 100 impegni e quinquennale per trasformare il modo in cui Marks and Spencer opera e acquista i prodotti. Nel 2010 la strategia è stata rafforzata con 80 nuovi impegni e rilanciata nel giugno di quest'anno come Piano A 2020. L'aggiornamento, afferma Mike Barry "mira ad avere un impatto sulle operazioni di M&S in tutto il mondo e coinvolgere clienti, dipendenti e partner in più stili di vita e modi di fare impresa sostenibili”.

Marks and Spencer è un membro pioniere di BCI dal 2010 e si impegna a reperire il 50% del suo cotone come cotone più sostenibile entro il 2020, tra cui Better Cotton, Fairtrade, Organic e cotone riciclato.

 

Condividi questa pagina