Sostenibilità

 
Quando il membro dello staff BCI Morgan Ferrar del team di comunicazione globale ha visitato il Pakistan, ha visto come la vita delle famiglie sta migliorando da quando i coltivatori di cotone hanno aderito al programma Better Cotton Initiative (BCI) e come può essere l'inizio di un futuro molto diverso per le comunità .

Qual è stato il motivo della tua visita in Pakistan?

Sostenere gli agricoltori è al centro del nostro lavoro ed è la ragione dell'esistenza di BCI. In Pakistan ci sono più di 90,000 agricoltori BCI autorizzati. Ho visitato due distretti del Punjabi, Muzaffargarh e Rahim Yar Khan, per incontrare alcuni di questi agricoltori e ascoltare direttamente le loro esperienze e prospettive. Volevo capire le sfide uniche che questi agricoltori devono affrontare e imparare come stanno adottando pratiche agricole più sostenibili per superare queste sfide.

C'era una famiglia in particolare che ero curioso di conoscere. L'agricoltore BCI Jam Muhammad Saleem, del villaggio rurale Jhangar Marha a Muzaffargarh, nel Punjab, stava lottando per sbarcare il lunario. Non vedeva altra scelta se non che suo figlio di 12 anni lasciasse la scuola per lavorare al fianco di lui e sua moglie nella cura della loro fattoria. Ma quando Saleem ha iniziato a partecipare alle sessioni di formazione BCI nel 2017, organizzate dal nostro partner sul campo WWF-Pakistan, la sua prospettiva è completamente cambiata. Questo è un potente esempio di come BCI lavora per eliminare il lavoro minorile. Ho passato del tempo con Saleem e la sua famiglia e ho chiesto loro se volevano condividere la loro storia con il mondo. Rimani sintonizzato!

Quali sono le sfide della produzione di cotone in Pakistan di cui hai appreso?

Una delle principali sfide che i coltivatori di cotone pakistani hanno dovuto affrontare di recente sono le condizioni meteorologiche estreme causate dal cambiamento climatico. In particolare, scarse precipitazioni e precipitazioni che cadono in periodi irregolari dell'anno. Le scarse precipitazioni possono portare a condizioni di siccità e acqua insufficiente per una crescita sana. Le piante di cotone disidratate, spinte oltre la loro capacità di far fronte alle condizioni di siccità, possono perdere le capsule di cotone prima del raccolto, esaurendo i raccolti degli agricoltori. Nel frattempo, la mancanza di acqua può anche portare nuovi problemi agli insetti, poiché gli insetti che distruggono il raccolto si spostano da piante ospiti meno resistenti per attaccare invece il cotone.

In alcuni casi, queste sfide possono fomentare la riluttanza degli agricoltori a permettere ai loro figli di frequentare la scuola, temendo che senza l'aiuto dei loro figli nella fattoria, i loro raccolti sicuramente falliranno. Per superare la resistenza all'istruzione dei bambini, cerchiamo di affrontare e garantire i diritti dei bambini all'istruzione, alla salute, allo sviluppo e al benessere attraverso una serie di sessioni di formazione strutturate che si svolgono ogni stagione. Gli agricoltori apprendono come il lavoro agricolo influisca sulla salute e il benessere dei bambini, perché i bambini dovrebbero essere tenuti lontani dai pesticidi e dalle attività pericolose e sul valore dell'istruzione e delle leggi nazionali sul lavoro.

Mi parli di alcuni agricoltori che hai incontrato e delle esperienze che hanno condiviso con te?

Per prima cosa, ho incontrato Muhammad Mustafa, che era così pieno di energia ed era ansioso di parlarmi dei miglioramenti nella sua vita. Attraverso il programma BCI, aveva appreso nuove tecniche per coltivare il cotone in modo più sostenibile, riducendo l'uso di pesticidi. Questo ha permesso a Mustafa di risparmiare denaro che altrimenti avrebbe usato per costosi pesticidi chimici, e grazie a questo, lui e la sua famiglia sono stati in grado di trasferirsi in una casa più spaziosa. Tuttavia, ciò di cui Mustafa era più orgoglioso era che a causa della sua spesa ridotta per gli input, può anche ora permettersi che sua figlia maggiore frequenti il ​​college.

Ho poi incontrato l'amico d'infanzia di Mustafa, Shahid Mehmood, che è anche un coltivatore di cotone. Mehmood condivideva prospettive simili a quelle di Mustafa; il suo profitto era aumentato riducendo la somma che spendeva per gli input, e per questo poteva permettersi di mandare i suoi figli a scuola. Un altro agricoltore della BCI che ho incontrato, Afzal Faisal, aveva entrate aggiuntive sufficienti per creare un nuovo flusso di entrate dal lato della produzione di cotone; fornendo pannelli solari ad altri agricoltori della comunità.

I coltivatori che ho incontrato in Pakistan sono innegabilmente orgogliosi di essere coltivatori di cotone – che possono continuare a fare ciò che amano, aumentando al contempo i loro raccolti e profitti, utilizzando il reddito aggiuntivo per creare nuovi flussi di reddito e mandare i loro figli a scuola, ha arricchito le loro vite di più di quanto avrei mai potuto immaginare. È stato in questo giorno che ho davvero acquisito una prospettiva di prima mano sull'impatto che BCI sta avendo a livello di campo in Pakistan.

Quali sono i prossimi passi?

Siamo incredibilmente orgogliosi di BCI Farmers come Saleem, Mustafa e Mehmood, che si impegnano a produrre cotone in modo più sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. In ogni paese in cui viene coltivato Better Cotton, ci sono molti altri agricoltori BCI di successo che hanno esperienze e prospettive da condividere. In BCI, ci impegniamo ad amplificare queste storie a un pubblico globale per mantenere lo slancio ed espandere il movimento BCI. Ciò aiuta più agricoltori ad accedere alla conoscenza e alla formazione, sviluppando la loro capacità di attuare pratiche agricole sostenibili. Puoi saperne di più sulle esperienze di BCI Farmers per saperne di più, clicca qui.

Morgan Ferrar con l'agricoltore BCI Nasreem Bibi. Rahim Yar Khan, Punjab, Pakistan. 2018.

Condividi questa pagina