Partner

In India, il primo raccolto di Better Cotton ha avuto luogo durante la stagione del cotone 2010-11. Il produttore globale di tessuti e abbigliamento Arvind Ltd. ha collaborato con la Better Cotton Initiative (BCI) per guidare l'implementazione del Better Cotton Standard, gettando le basi per una produzione di cotone più sostenibile nel paese.

Il viaggio di Arvind verso la produzione sostenibile del cotone è iniziato alcuni anni prima, nel 2007, quando l'organizzazione ha sviluppato un programma di agricoltura biologica per piccoli proprietari; allo stesso tempo, è stata fondata la BCI. Vedendo il potenziale per prendere il cotone prodotto in modo sostenibile e cambiare il settore in meglio, Arvind si è unito alle prime discussioni sull'iniziativa. Il produttore è diventato il primo partner di implementazione di BCI in India: le prime balle di Better Cotton sono state prodotte in un'azienda agricola sotto la gestione di Arvind. Oggi, Arvind lavora con più di 25,000 agricoltori BCI (il 9% sono donne) in tre regioni produttrici di cotone.

Una volta che Arvind ha identificato le comunità produttrici di cotone che richiedono sostegno, mirano a lavorare con il maggior numero possibile di agricoltori. Tuttavia, non è sempre facile convincere gli agricoltori a rompere con le pratiche tradizionali. "Inizialmente gli agricoltori hanno una reazione mista a BCI", afferma Pragnesh Shah, CEO, Cotton and Agri Business di Arvind. “Vogliono sapere in che modo l'implementazione del Better Cotton Standard sarà vantaggiosa per loro e vogliono sapere quali sono i rischi. Gli agricoltori con cui lavoriamo non hanno le risorse finanziarie per investire in migliori tecnologie agricole e non possono permettersi di correre rischi che potrebbero avere un impatto sui loro raccolti. Dobbiamo dimostrare chiaramente i vantaggi dell'adozione di nuove tecniche di coltivazione, economiche e sostenibili”.

Per fare questo, Arvind lavora a stretto contatto con le università agrarie e i centri scientifici locali per organizzare incontri in cui gli agricoltori possono interagire direttamente con esperti in materia. Per dimostrare chiaramente i vantaggi delle nuove pratiche, in ogni villaggio vengono implementati campi dimostrativi del cotone nell'ambito del programma BCI. "Vedere per credere per molti agricoltori", afferma Abhishek Bansal, responsabile della sostenibilità di Arvind. "Una volta che vedono il potenziale per ridurre i loro costi di input, migliorare i loro rendimenti e profitti, oltre a ricevere formazione e consulenza gratuite, sono entusiasti di BCI e aperti all'adozione di nuove pratiche".

Le condizioni ambientali come la disponibilità di acqua e la salute del suolo presentano sfide particolarmente pressanti per molti dei coltivatori di cotone nelle aree del programma BCI di Arvind. Gli agricoltori lavorano in regioni a forte stress idrico e dipendono dalle piogge per irrigare i loro raccolti: se il monsone estivo fallisce, ciò porta alla carenza d'acqua. In collaborazione con altre ONG, Arvind insegna agli agricoltori i metodi di raccolta dell'acqua e di irrigazione a goccia, aiutandoli a gestire e utilizzare l'acqua in modo più sostenibile.

L'educazione degli agricoltori sull'impatto delle sostanze chimiche pericolose sul suolo e sulla salute personale è un'altra area di interesse chiave. "Storicamente in India c'è stato un uso eccessivo di sostanze chimiche nella coltivazione del cotone", afferma Pragnesh. “Insegniamo agli agricoltori come produrre e utilizzare i bio-pesticidi naturali, aiutandoli anche a capire quali fertilizzanti e pesticidi dovrebbero essere usati, date le condizioni del terreno. Forniamo agli agricoltori le conoscenze per identificare gli insetti amici e nemici, mostrando loro come utilizzare vari tipi di trappole per rimuovere i nemici senza l'uso di pesticidi. A lungo termine vogliamo aiutare gli agricoltori a migliorare la fertilità del suolo e ridurre la necessità di prodotti chimici”.

Pragnesh e Abhishek hanno scoperto che gli atteggiamenti nei confronti della produzione di cotone stanno cambiando. Hanno visto in prima persona che la prossima generazione di coltivatori di cotone è alla ricerca di un cambiamento. "I giovani agricoltori stanno diventando più attenti all'ambiente e sono desiderosi di implementare nuove tecniche e tecnologie che contribuiranno ad aumentare efficacemente i raccolti", afferma Pragnesh. Si sta verificando uno spostamento anche al di là dei campi di cotone. "Negli ultimi due anni abbiamo assistito a un aumento della domanda di Better Cotton da parte di rivenditori e marchi, poiché molti implementano strategie per le materie prime sostenibili", afferma Abhishek. "Speriamo di avere 400,000 ettari coltivati ​​a Better Cotton nei prossimi 4-5 anni (dai 100,000 ettari attuali) per soddisfare la domanda di cotone prodotto in modo più sostenibile".

Arvind è stato un sostenitore di BCI sin dal primo giorno e ha promosso una produzione di cotone più sostenibile in India. L'organizzazione continua ad essere un partner prezioso e sta lavorando con BCI per raggiungere il nostro obiettivo per il 2020 di raggiungere e formare 5 milioni di coltivatori di cotone su pratiche agricole più sostenibili.

Immagine: BCI Farmers in Maharashtra, India.© Arvind 2018.

Condividi questa pagina