Secondo uno studio chiave che consente alla Better Cotton Initiative (BCI) di migliorare il nostro potenziale di impatto in tutta la regione e oltre. È possibile accedere alla risposta della direzione di BCI sul Pagina dei risultati e degli impatti.

Lo studio di impatto indipendente triennale, “Valutazione dei primi impatti dell'iniziativa Better Cotton sui piccoli produttori di cotone nel distretto di Kurnool, India', è stata condotta dal 2015 al 2018. La ricerca, finanziata dalla Ford Foundation e commissionata dall'ISEAL Alliance, ha monitorato la partecipazione degli agricoltori alle attività BCI, attraverso una valutazione di base (2015), un esercizio di monitoraggio intermedio (2017) e un valutazione finale (2018).

Nonostante le sfide affrontate dai piccoli agricoltori del progetto come l'analfabetismo diffuso degli agricoltori, le piccole dimensioni medie dei proprietari terrieri, le precipitazioni imprevedibili e un mercato dei prodotti agrochimici sottoregolato, tra gli altri, il rapporto ha indicato i primi progressi positivi nell'organizzazione degli agricoltori, sensibilizzando su una gamma di prodotti più sostenibili pratiche e una maggiore diffusione di alcune pratiche, compresa una migliore protezione delle colture.

"Gli agricoltori del progetto BCI hanno mostrato una maggiore conoscenza e adozione delle pratiche agricole promosse nel corso dei tre anni e un aumento significativamente maggiore sia della conoscenza che dell'adozione della pratica rispetto al gruppo di controllo", ha affermato Kendra Park Pasztor, Senior Monitoring and Evaluation Manager presso BCI.

In un passo verso il progresso ambientale, è stato scoperto che gli allevatori di trattamento (agricoltori che partecipano a corsi di formazione sui principi e criteri del cotone migliore e che vengono valutati attraverso lo studio) utilizzano meno pesticidi ea dosi più basse. Nel 2018, solo l'8% degli allevatori di trattamento ha riferito di aver utilizzato cocktail di pesticidi - un netto calo rispetto al 51% degli agricoltori che hanno riferito di utilizzare cocktail di pesticidi nel 2015. Ciò è notevole anche dal momento che anche la percentuale di agricoltori di controllo che utilizzano cocktail di pesticidi è diminuita. ma il cambiamento è molto meno pronunciato: dal 64% al basale nel 2015 al 49% nel 2018.

Il rapporto ha anche rilevato un aumento dei livelli di consapevolezza degli agricoltori rispetto alle pratiche di produzione di Better Cotton come la preparazione di pesticidi biologici, l'uso dell'olio di neem come pesticida naturale e organico e l'adozione di colture inter-coltivate, di confine e di rifugio, che possono proteggere il cotone da parassiti specifici.

Tuttavia, il rapporto ha anche evidenziato le sfide in corso che aiuteranno a guidare l'approccio di BCI in futuro. Il principale tra questi è la dipendenza degli agricoltori da agenti di commissione, noti come dalal, che non sempre lavorano nell'interesse degli agricoltori.

Molti agricoltori, in particolare quelli più poveri, sono risultati indebitati con dalal. Nel 2015, oltre il 95% degli agricoltori ha venduto il proprio cotone a dalal da cui aveva già preso in prestito denaro come prestito per la coltivazione del cotone ad alti tassi di interesse. Alcuni agricoltori si sono ulteriormente indebitati quando hanno avuto bisogno di prendere in prestito denaro per un matrimonio di famiglia – o se le piogge sono fallite – e si sono rivolti al dalal. Dalal può scegliere di estendere il credito agli agricoltori ma a tassi di interesse che variano dal 3% fino al 24%. Gli agricoltori potrebbero potenzialmente organizzarsi e registrarsi come organizzazioni di produttori per beneficiare della vendita diretta, aggirando così i dalal, ma questo sviluppo deve ancora aver luogo. BCI prevede di collaborare con i nostri partner e le parti interessate in India per affrontare in modo più aggressivo questioni come questa e per aiutare i coltivatori di cotone a diventare più resilienti.

Gli agricoltori sono stati ostacolati anche dalle scarse piogge. Le piogge precoci, tardive o assenti influiscono negativamente sulla semina del cotone e, di conseguenza, sulla resa del cotone. Sebbene la maggior parte degli agricoltori abbia dichiarato di voler continuare a produrre cotone, si basano sul fatto che le piogge non siano troppo variabili. Ciò evidenzia l'importanza di una programmazione rafforzata della resilienza climatica.

Metodologia della ricerca

I ricercatori del Natural Resources Institute dell'Università di Greenwich hanno sviluppato una solida metodologia che ha unito analisi quantitative e qualitative per consentire a BCI non solo di misurare l'entità dell'impatto del programma, ma anche di osservare come tale impatto ha preso forma. Un'indagine su 694 famiglie con agricoltori del progetto e di controllo, informazioni secondarie sul sito del progetto e dati del progetto BCI e della Società partecipativa di sviluppo rurale (PRDIS) ha fornito le informazioni quantitative. Ciò è stato contestualizzato attraverso diverse fonti di informazione qualitativa tra cui discussioni di focus group, più di 100 interviste con attori della zona, tra cui fabbriche di sgranatura, funzionari del dipartimento dell'agricoltura a livello distrettuale e capi villaggio, e interviste con un panel di 15 famiglie che sono state seguite durante il tre anni.

Il gruppo di controllo scientifico, selezionato casualmente, ha fornito un controfattuale, che aiuta a determinare se un progetto ha un impatto e, più specificamente, a quantificare quanto sia grande tale impatto. Consente ai valutatori di attribuire causa ed effetto tra interventi e risultati. Il controfattuale misura ciò che sarebbe accaduto ai beneficiari in assenza dell'intervento.

"Questo tipo di ricerca approfondita... fornisce alcune delle conoscenze più approfondite su cosa funziona e cosa no", ha affermato Pasztor. "Arriva in un momento opportuno per BCI per integrare questo apprendimento nella sua strategia 2030, che è attualmente in fase di sviluppo".

La valutazione illustra l'impegno di BCI nell'imparare dall'esperienza, consentendoci di migliorare il nostro potenziale di impatto in tutta la regione. BCI e partner esperti sul campo attualmente forniscono formazione, sviluppo di capacità e supporto a 2.2 milioni di agricoltori in 21 paesi. Entro il 2020 BCI mira a raggiungere cinque milioni di agricoltori in tutto il mondo.

"Si possono trarre lezioni [dalla valutazione] per guidare la direzione strategica di BCI in India e oltre", ha affermato Alan McClay, CEO di BCI. "Crediamo che l'approccio a lungo termine, olistico e collaborativo di BCI per ottenere una produzione di cotone più sostenibile offra così tanto potenziale", ha aggiunto McClay. “Chiaramente c'è molto altro da fare e molte lacune da colmare. Ma siamo impegnati per la causa. Prenderemo insegnamenti da questa e da altre ricerche simili per costruire la narrativa di scala che definisce l'ambito e la portata di BCI".

Puoi accedere alla valutazione completa per saperne di più, clicca qui.

Image credit:© BCI, Florian Lang |AgricoltoreShardaben Hargovindbhai in Gujarat, India, 2018.

Condividi questa pagina