Sostenibilità

Di Alan McClay, CEO, Better Cotton. Questo pezzo di opinione è stato pubblicato per la prima volta da Eventi Reuters su 9 March 2022.

Il collasso irreversibile dell'ecosistema è incombente. Se non si fa nulla per fermarlo, i sistemi agricoli devono affrontare un futuro potenzialmente catastrofico, con gravi implicazioni per la società di tutto il mondo. 

Questa non è un'iperbole. È il verdetto di centinaia di scienziati del clima leader a livello mondiale, come recentemente espresso nell'ultimo intervento dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) rapporto. La scritta è già sul muro. Secondo le Nazioni Unite Food and Agriculture Organization (FAO), oltre un terzo dei suoli mondiali è già degradato a causa di erosione, salinizzazione, compattazione, acidificazione e inquinamento chimico. Il risultato? Un'assenza della diversità della vita che è parte integrante del nutrimento di piante e colture. 

L'idea centrale dell'agricoltura rigenerativa è che l'agricoltura può restituire, piuttosto che prendere da, il suolo e la società.

Come ogni agricoltore sa, un suolo sano è alla base di un'agricoltura produttiva. Non solo aiuta a ciclare i nutrienti e filtrare l'acqua, ma aiuta ad aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici restituendo carbonio al suolo. Spunta la nuova parola d'ordine sul blocco, "agricoltura rigenerativa". Da un giorno all'altro, la frase sembra essere ovunque, dalla bocca di sostenitori del clima all' discorsi di politici di spicco. Non dal "Rivoluzione verde” degli anni '1950 ha una parola d'ordine legata all'agricoltura che ha raccolto così tanto ritmo così rapidamente. Come sempre, i critici non sono stati lenti a farsi avanti. I loro argomenti seguono linee convenzionali. Alcuni sostengono che il termine manchi di rigore: "rigenerativo", "biologico", "sostenibile", "intelligente al carbonio", tutti generati dallo stesso cesto lanoso. Altri sostengono che sia una vecchia idea rimaneggiata nell'abbigliamento moderno. Quali furono i primi agricoltori del Mezzaluna fertile se non agricoltori rigenerativi? 

Tali critiche nascondono più di una piccola verità. Il termine agricoltura rigenerativa può certamente significare cose diverse per persone diverse. E, sì, abbraccia concetti come l'aratura ridotta, la rotazione delle colture e le colture di copertura che, in alcuni casi, risalgono a millenni. Ma lamentarsi della terminologia significa perdere il punto. Per uno, i capricci della definizione non sono così grandi o problematici come alcuni amano sostenere. L'idea centrale dell'agricoltura rigenerativa - vale a dire, che l'agricoltura può restituire, piuttosto che prendere da, il suolo e la società - non è affatto controversa. 

La terminologia fuzzy può confondere i consumatori e, peggio ancora, facilitare il greenwashing.

In secondo luogo, le tecniche agricole variano enormemente, il che significa che le metodologie specifiche saranno sempre difficili da definire. Le pratiche perseguite dagli agricoltori nell'Africa occidentale, dove il suolo è notoriamente sterile, ad esempio, saranno diverse da quelle adottate in India, dove i parassiti e il clima irregolare sono le principali preoccupazioni.   

In terzo luogo, la mancanza di un consenso completo non porta necessariamente a una totale mancanza di azione. Prendi gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite; i dettagli di ogni obiettivo potrebbero non piacere a tutti, ma soddisfano abbastanza le persone da accumulare un'enorme quantità di energia collettiva.    

Allo stesso modo, nuovi termini possono rinfrescare il nostro pensiero. Un decennio fa, le conversazioni sulla salute del suolo e sui raccolti tendevano fortemente al tecnico. Un po' meno di fertilizzante qui, un po' più di maggese là. Oggi, con i discorsi di agricoltura rigenerativa sempre più diffusi, la stessa agricoltura estrattivista è ora sul tavolo del dibattito. 

Naturalmente, definizioni chiare sono importanti. In loro assenza, possono sorgere nella pratica incomprensioni che rallentano o addirittura minano la transizione verso un'agricoltura più sostenibile. Allo stesso modo, la terminologia confusa può confondere i consumatori e, peggio ancora, facilitare il greenwashing. A questo proposito, è stato recentemente pubblicato da Textile Exchange Analisi del paesaggio dell'agricoltura rigenerativa segna un contributo prezioso e tempestivo. Costruito attraverso il dialogo a tutti i livelli della comunità agricola, stabilisce un importante insieme di principi di base che tutti i principali attori possono sostenere.   

Accogliamo con particolare favore il riconoscimento, da parte della relazione, dei vantaggi che vanno oltre lo stoccaggio del carbonio e la riduzione delle emissioni, per quanto importanti siano entrambi. L'agricoltura rigenerativa non è un gioco da ragazzi. I miglioramenti alla salute del suolo, alla protezione dell'habitat e ai sistemi idrici sono solo alcuni degli altri benefici ambientali ausiliari che offre. 

Consideriamo il fatto che l'agricoltura rigenerativa sia ora sulla bocca di tutti come un enorme positivo.

Allo stesso modo, come organizzazione impegnata a migliorare i mezzi di sussistenza di milioni di produttori di cotone, anche l'enfasi sui risultati sociali va applaudita. In quanto attori critici nel sistema agricolo, le voci degli agricoltori e dei lavoratori sono fondamentali per decidere come inquadrare l'agricoltura rigenerativa e quali risultati dovrebbe mirare. 

Per ribadire, vediamo il fatto che l'agricoltura rigenerativa sia ora sulla bocca di tutti come un enorme positivo. Non solo è il insostenibilità dell'agricoltura intensiva e pesante di input di oggi sempre più ben compreso, così come lo è anche il contributo che i modelli rigenerativi possono dare per invertire questa tendenza. La sfida per il futuro è trasformare la crescente consapevolezza in azione sul campo. I problemi che l'agricoltura rigenerativa cerca di affrontare sono urgenti. In Better Cotton, crediamo fermamente nel miglioramento continuo. Regola numero uno? Esci dai blocchi e inizia. 

Una lezione chiave che abbiamo imparato negli ultimi dieci anni circa è che un'azione efficace non avverrà senza una strategia efficace a sostegno. Ecco perché incoraggiamo i nostri partner sul campo partecipanti a stabilire un piano completo di gestione del suolo, indicando passaggi tangibili per migliorare la biodiversità del suolo e prevenire il degrado del suolo. Un altro impulso cruciale all'azione è raccontare una storia convincente. Gli agricoltori non passeranno da ciò che sanno sulla base di aneddoti e promesse. Sono necessarie prove concrete. E, per questo, sono necessari investimenti nel monitoraggio e nella ricerca dei dati. 

Le mode, per natura, vanno avanti. Nel caso dell'agricoltura rigenerativa, aspettarsi che le definizioni vengano perfezionate e gli approcci siano rivisti. Come concetto di base di come dovremmo coltivare, tuttavia, è saldamente qui per rimanere. Né il pianeta né gli agricoltori possono permetterselo altrimenti. 

Ulteriori informazioni su Better Cotton e salute del suolo

Condividi questa pagina