Sostenibilità

Di Alan McClay, CEO, Better Cotton.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta da Devex il 14 giugno 2022.

La notizia che il mondo ha una possibilità "50:50" di superare la soglia di 1.5 gradi Celsius nei prossimi cinque anni è un campanello d'allarme per il mondo. Se sei un coltivatore di cotone alle prese con la siccità South Africa o con bollworm - che è legato alle precipitazioni elevate - in Punjab, la prospettiva di un clima più irregolare arriva come una notizia sgradita.

Come in tutto il panorama agricolo globale, da alcuni anni l'industria del cotone sta investendo pesantemente nello sviluppo della sua resilienza climatica. Research nelle razze resistenti alla siccità, ad esempio, sta proseguendo rapidamente, così come gli strumenti per la valutazione e la pianificazione dei futuri rischi climatici.

Alan McClay, CEO, Better Cotton di Jay Louvion.

La consapevolezza è una cosa, ma la capacità di agire è un'altra. Uno stimato 350 milione di persone attualmente dipendono dalla produzione di cotone per il proprio sostentamento, metà dei quali affronta un'esposizione elevata o molto elevata al rischio climatico. Di questi, la maggior parte sono piccoli proprietari, che, anche se volessero agire sul cambiamento climatico, non hanno i mezzi economici o gli incentivi di mercato per farlo.

Per quanto rumorosi i campanelli d'allarme sul clima e per quanto le agenzie di sviluppo globale si preoccupino, la transizione dell'agricoltura su basi sostenibili semplicemente non avverrà senza l'adesione dei piccoli proprietari. In quanto persone che dipendono dalla produttività della Terra per il loro sostentamento, gli agricoltori sono più incentivati ​​a gestire l'ambiente naturale di chiunque altro.

Ma i guadagni di un'agricoltura rispettosa del clima devono essere pagati in modo chiaro, rapido ed equo. Sulle prime due, c'è un caso sempre più convincente da fare. In India, ad esempio, siamo stati in grado di dimostrare che nel corso di una stagione i profitti degli agricoltori della Better Cotton Initiative sono stati 24% più alto, pur utilizzando un volume inferiore di pesticidi e fertilizzanti sintetici, rispetto a quelli che non attuano pratiche più sostenibili.

Rispetto alle vicissitudini del mercato, garanzie pluriennali di acquisto provenienti da grandi acquirenti rappresentano una prospettiva molto più interessante per i produttori agricoli che cercano di passare. In Brasile, ad esempio, il commerciante di materie prime statunitense parlamento offre finanziamenti a lungo termine a produttori di soia che hanno in atto solide politiche anti-deforestazione. Tuttavia, le opportunità per i piccoli proprietari di negoziare accordi contrattuali così complessi sono difficili, se non impossibili.

Lo stesso ostacolo si presenta con i progetti convenzionali di finanziamento del carbonio. Prendi la compensazione del carbonio, per esempio. Sulla carta, gli agricoltori climatizzati che promuovono pratiche di riduzione del carbonio come il cover cropping e la riduzione della lavorazione del terreno sono ben posizionati per vendere crediti. Tuttavia, dimostrare l'efficacia climatica di tali sforzi non è affatto semplice. E, anche se un agricoltore può, registrarsi su un mercato di crediti di carbonio come Nori o anche individuare un programma di credito pertinente rappresenta una sfida.

Ma immagina che non fosse così. Immagina, invece, un mondo in cui agenzie di sviluppo, banche multilaterali, istituzioni finanziarie, acquirenti commerciali e filantropi si uniscono per ideare meccanismi di finanziamento che soddisfino le esigenze di finanziamento dei piccoli agricoltori, stimati prudentemente in $240 miliardi per anno.

Problema risolto, vero? Purtroppo no. Per quanto un giorno possano diventare chiari e rapidi i rendimenti agricoli favorevoli al clima, se non sono distribuiti in modo equo, la transizione climatica in agricoltura è morta nell'acqua prima di iniziare.

Naturalmente, "equità" è un termine soggettivo. Con qualsiasi misura, tuttavia, assicurando che includa il 95% degli agricoltori nel mondo che operano su meno di 5 ettari deve essere centrale. Allo stesso modo, garantire parità di accesso e opportunità all'interno di questo gruppo di alcuni 570 milioni di famiglie agricole è altrettanto critico.

L'ingiustizia di genere rappresenta l'esempio più netto. In molte regioni agricole, soprattutto nel sud del mondo, le donne contadine mancano di diritti formali, come la proprietà della terra, e lottano per accedere al credito, alla formazione e ad altri meccanismi di supporto chiave. Questo nonostante eserciti un'influenza significativa sulle decisioni agricole. In India e Pakistan, ad esempio, il la maggior parte dei lavoratori delle coltivazioni di cotone sono donne.

Produttori, acquirenti e altri attori chiave all'interno del settore agricolo possono e devono cercare modi per incorporare questioni di giustizia sociale e inclusività nei loro sforzi per il clima. Senza un'azione deliberativa, semplicemente non accadrà. Anche allora, la nostra esperienza a Cotone migliore, dove da diversi anni diamo la priorità all'uguaglianza di genere, suggerisce che il cambiamento richiede tempo.

L'agricoltura climaticamente positiva è una questione agricola, caratterizzata da innovazione tecnologica e pratiche intelligenti. È anche una questione finanziaria, per la quale è necessario un enorme aumento degli investimenti di capitale. Ma, in fondo, è una questione di giustizia. Portare all'ovile i gruppi di agricoltori emarginati non è solo la cosa giusta da fare; è una condizione per un'efficace azione per il clima in agricoltura.

 L'agricoltura industriale moderna ha visto aumentare i raccolti. Ma la sua enfasi sull'elevata spesa in conto capitale e sugli input basati sui combustibili fossili ha anche visto la disuguaglianza economica e il danno ambientale diventare radicati nel sistema. Rispondere all'urgente minaccia del cambiamento climatico rappresenta un'opportunità per risolvere queste carenze sistemiche.

Condividi questa pagina