Noi di Better Cotton crediamo che tutti gli agricoltori e i lavoratori abbiano diritto a un lavoro dignitoso: un lavoro produttivo che offra un reddito e un salario equi, sicurezza, protezione sociale, pari opportunità, libertà di organizzare, esprimere preoccupazioni, partecipare al processo decisionale e negoziare dignitosamente condizioni di lavoro.

Riconosciamo che Better Cotton è "migliore" solo se migliora il benessere degli agricoltori e delle loro comunità, promuovendo opportunità di lavoro dignitoso per le popolazioni rurali e promuovendo un ambiente sano e sicuro. Ecco perché il lavoro dignitoso è al centro del nostro programma.

Produzione di cotone e lavoro dignitoso: perché è importante?

Più del 70% del cotone mondiale è prodotto da piccoli agricoltori. I piccoli proprietari di tutto il mondo devono affrontare molteplici sfide nell'accesso a un lavoro dignitoso, a cominciare dalla povertà e dalle disuguaglianze strutturali profondamente radicate, e che vanno dalle barriere del mercato agli shock climatici.

All'interno e al di fuori del contesto dei piccoli proprietari, anche la natura informale dei rapporti di lavoro in agricoltura, nonché la scarsa regolamentazione e applicazione, contribuiscono alla sfida. Anche le relazioni di lavoro e le strutture di potere sono profondamente radicate nelle pratiche culturali ed economiche. Non ci sono soluzioni proiettili d'argento e la promozione del lavoro dignitoso richiede la collaborazione con le parti interessate della società civile, delle catene di approvvigionamento e dei governi.

Ci sono molteplici sfide lavorative a livello di azienda agricola nel settore del cotone, tra cui:

Salari e redditi bassi

Nonostante si siano assunti molti rischi, gli agricoltori alla base della catena di approvvigionamento lottano ancora per essere riconosciuti e valorizzati nei mercati globali delle materie prime. Di fronte a condizioni sempre più difficili dovute al cambiamento climatico, i bassi redditi degli agricoltori rappresentano un ostacolo significativo alla creazione di opportunità di lavoro dignitoso nelle comunità rurali. A causa della natura in gran parte informale e stagionale dei rapporti di lavoro in agricoltura, spesso vi è anche un'assenza o una scarsa applicazione delle norme sul salario minimo. Inoltre, in molti paesi, i salari minimi non sono ancora sufficienti per garantire un tenore di vita dignitoso. Anche così, opportunità economiche limitate possono lasciare ai lavoratori l'unica scelta di accettare queste condizioni.

Il lavoro minorile

Il lavoro minorile è comune in agricoltura poiché le famiglie spesso fanno affidamento sui bambini per l'aiuto nella produzione o nel sostegno familiare. Per i bambini di una certa età, lo svolgimento di compiti appropriati in condizioni adeguate, può sviluppare abilità e fiducia importanti che contribuiscono positivamente allo sviluppo dei bambini e al benessere della famiglia. Allo stesso tempo, il lavoro minorile – lavoro non adeguato all'età, che interferisce con la scolarizzazione e, o è dannoso per lo sviluppo fisico, mentale, morale e sociale dei bambini – può comportare gravi conseguenze per i bambini e può contribuire a perpetuare i cicli della povertà domestica. In alcuni casi, i bambini in agricoltura sono coinvolti nelle peggiori forme di lavoro minorile, compreso il lavoro forzato e vincolato.

Lavoro forzato e vincolato

Il lavoro forzato è quando le persone sono impiegate contro la loro volontà o ingannate nel mondo del lavoro, mentre affrontano la minaccia di sanzioni, sia attraverso la violenza o l'intimidazione, la confisca di documenti d'identità, il trattenimento del salario, l'isolamento o altre condizioni abusive che limitano la loro capacità di lasciare il posto di lavoro . Il lavoro vincolato, chiamato anche schiavitù per debiti o schiavitù per debiti, è la forma più diffusa di lavoro forzato, in particolare in agricoltura. Si verifica quando una persona è costretta a lavorare per saldare un debito. Il loro indebitamento spesso deriva da accordi di lavoro ingannevoli e in cui la persona ha poco o nessun controllo o comprensione del proprio debito. In alcuni paesi, la schiavitù per debiti è comune tra i mezzadri, che si indebitano con i proprietari terrieri e trascorrono anni a lavorare per saldare i loro debiti, spesso colpendo i loro figli, che sono nati in schiavitù. Il lavoro forzato, una forma di "schiavitù moderna", colpisce in modo sproporzionato i gruppi più vulnerabili e svantaggiati.

Disuguaglianza e discriminazione

Nel settore agricolo sono presenti disuguaglianze e discriminazioni basate su genere, razza, casta, colore, religione, età, disabilità, istruzione, orientamento sessuale, lingua, opinione politica, origine o appartenenza a una minoranza etnica, religiosa o sociale e in tutti i paesi produttori di cotone. Le donne in particolare – non ricevono uguale riconoscimento per il loro lavoro, nonostante il loro ruolo centrale nella coltivazione del cotone. In alcuni paesi, le lavoratrici guadagnano meno degli uomini per lo stesso lavoro, o sono impiegate in compiti meno retribuiti, o con accordi di lavoro più vulnerabili. Tendono inoltre ad affrontare maggiori barriere nell'accesso alla formazione, alla proprietà della terra e al processo decisionale. Fattori sovrapponibili come lo status di migrante, l'età e/o l'appartenenza a una minoranza religiosa, sociale o gruppo etnico, aumentano ulteriormente la vulnerabilità delle donne allo sfruttamento e all'abuso. A livello di azienda agricola, le pratiche discriminatorie possono comprendere un trattamento meno favorevole o iniquo nell'assunzione, nel pagamento o nell'occupazione, nonché nell'accesso alla formazione e alle strutture di base sul posto di lavoro. 

Rappresentanza limitata dei lavoratori e degli agricoltori

La comprensione e l'adempimento dei principi e dei diritti fondamentali sul lavoro sono variabili e spesso limitate, compreso il diritto di organizzarsi e contrattare collettivamente tra agricoltori e lavoratori. Mentre in alcuni paesi gli agricoltori possono aderire o formare organizzazioni di produttori o cooperative, in altri contesti i vincoli alla libertà di associazione e di contrattazione collettiva incidono sulla formazione di strutture per la rappresentanza degli agricoltori o dei lavoratori e sulla loro capacità di partecipare al dialogo sociale che potrebbe migliorare il loro lavoro vite. I lavoratori agricoli in genere non rientrano nei meccanismi di sostegno ai lavoratori (sindacati, regimi di sicurezza sociale, ecc.) rispetto ai lavoratori di altri settori. Ciò è particolarmente vero per i lavoratori migranti. La loro esclusione perpetua il rischio del loro sfruttamento.

Problemi di salute e sicurezza

Secondo l'ILO, l'agricoltura è una delle occupazioni più pericolose al mondo. In molti paesi, il tasso di incidenti mortali in agricoltura è il doppio della media di tutti gli altri settori. I problemi di salute e sicurezza variano a seconda delle dimensioni dell'azienda agricola, del livello di meccanizzazione, dell'accesso ai DPI e delle normative locali. In generale, tuttavia, i principali problemi di salute e sicurezza includono: esposizione a sostanze chimiche pericolose, accesso limitato ad acqua potabile e strutture igienico-sanitarie, stress da calore (e aree di sosta ombreggiate limitate), orari di lavoro prolungati e incidenti che coinvolgono l'uso di strumenti affilati o macchinari pesanti. L'esposizione a questi rischi e pericoli può dar luogo a lesioni, menomazioni fisiche a lungo termine, malattie e malattie spesso aggravate o che provocano la morte a causa dell'accesso limitato alle strutture di assistenza medica oltre alle precarie condizioni di vita e di lavoro.

In generale, la frequente esclusione del settore agricolo dai quadri di protezione del lavoro e dai meccanismi di controllo normativo associati, come le ispezioni del lavoro, si traduce in una protezione limitata per agricoltori e lavoratori. Allo stesso modo, il predominio di accordi di lavoro informale e reti di protezione sociale limitate, fanno dell'agricoltura uno dei settori a più alto rischio, secondo la designazione dell'ILO. Ad aggravare ciò, il lavoro agricolo disperso e altamente mobile rende qualsiasi intervento mirato a sostenere gli agricoltori e i lavoratori, inclusi il monitoraggio, la sensibilizzazione o la gestione dei reclami, una vera sfida da rendere operativo.  

Nel promuovere il lavoro dignitoso, Better Cotton adotta un approccio basato sul rischio, dando la priorità alle aree in cui agricoltori e lavoratori sono maggiormente a rischio. Better Cotton lavora sempre in collaborazione con i suoi partner di programma e altri partner tecnici, per mettere insieme competenze e testare approcci innovativi. Un veicolo chiave del nostro approccio è il nostro standard a livello di azienda agricola, ma Better Cotton si impegna anche in partenariati programmatici e interventi volti ad affrontare le sfide chiave del lavoro.  

Strategia di lavoro dignitoso

La strategia Better Cotton Decent Work cerca di contribuire agli sforzi globali per promuovere il lavoro dignitoso, con partner che operano nel settore pubblico e privato e, ove possibile, tra le materie prime. Nel promuovere cotone sostenibile attraverso il Better Cotton Standard, miriamo a catalizzare il cambiamento a livello di azienda agricola e di comunità, iniziando con lo sviluppo delle capacità dei nostri partner di programma e del loro personale sul campo per promuovere il lavoro dignitoso, anche attraverso il monitoraggio del lavoro, l'identificazione e bonifica. Stiamo inoltre rafforzando e perfezionando i nostri sistemi di garanzia e gli approcci di rafforzamento delle capacità per riflettere e rispondere meglio ai rischi del lavoro, oltre a sperimentare nuove partnership per radicare il nostro lavoro in un'azione collaborativa. In via prioritaria, stiamo cercando di identificare e supportare gli interventi basati sulla comunità, le organizzazioni di agricoltori e lavoratori e i meccanismi di ricorso e rimedio, per creare un ambiente favorevole al lavoro dignitoso nelle aree agricole di Better Cotton.

PDF
1.35 MB

Migliore strategia di lavoro dignitoso del cotone

Scaricare

Metodologia globale di valutazione del rischio di lavoro forzato

La metodologia di valutazione del rischio di lavoro forzato globale stabilisce il rischio a livello nazionale di lavoro forzato nella produzione di cotone per i paesi in cui opera Better Cotton. Questo approccio basato sul rischio sarà utilizzato per dare priorità a ulteriori indagini e investimenti nella mitigazione del lavoro forzato laddove il rischio è elevato.

PDF
173.43 KB

Metodologia globale di valutazione del rischio di lavoro forzato

Scaricare

Task Force sul lavoro forzato e sul lavoro dignitoso

Better Cotton ha formato la Task Force sul lavoro forzato e il lavoro dignitoso nell'aprile 2020 per rivedere l'attuale sistema Better Cotton Standard a livello globale. L'obiettivo della task force era evidenziare le lacune e sviluppare raccomandazioni per migliorare l'efficacia di questo sistema nell'identificare, prevenire, mitigare e rimediare ai rischi del lavoro forzato. Leggi il rapporto finale della Task Force e le raccomandazioni di seguito, oltre a come Better Cotton ha integrato le raccomandazioni.

Task Force sul lavoro forzato e sul lavoro dignitoso: relazione finale e raccomandazioni

Task Force sul lavoro forzato e sul lavoro dignitoso: relazione finale e raccomandazioni

ottobre 2020




Lavoro dignitoso nei principi e criteri Better Cotton

In Better Cotton, adottiamo un approccio ampio al lavoro dignitoso che tenga conto della diversità dei contesti in cui viene prodotto il cotone, dalle piccole aziende familiari alle fattorie su larga scala. Il nostro approccio è in linea con gli standard dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), ampiamente considerata l'autorità internazionale in materia di lavoro, e lo miglioriamo continuamente man mano che cresciamo ed evolviamo come organizzazione.

Tutti i coltivatori Better Cotton (dai piccoli proprietari alle fattorie su larga scala) devono, come minimo, lavorare per sostenere quattro principi e diritti fondamentali sul lavoro:

  • Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva
  • L'eliminazione del lavoro forzato
  • L'abolizione del lavoro minorile
  • L'eliminazione della discriminazione nel lavoro e nell'occupazione

Principio sei del Principi e criteri del cotone migliore stabilisce 22 criteri per il rispetto di questi standard, con requisiti dall'identificazione dei rischi sul lavoro alla garanzia del consenso di un lavoratore. I Better Cotton Farmers sono inoltre tenuti a seguire le leggi nazionali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e sul lavoro, a meno che tali leggi non stabiliscano standard al di sotto degli standard dell'ILO.

Scopri di più

Immagine di credito: tutte le icone e le infografiche dell'Obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (UN SDG) sono state prese dal Sito web dell'ONU sugli SDGIl contenuto di questo sito Web non è stato approvato dalle Nazioni Unite e non riflette le opinioni delle Nazioni Unite, dei suoi funzionari o degli Stati membri.