Supply Chain

Gap Inc. è un rivenditore BCI e un membro del marchio. Abbiamo incontrato Bonnie Abrams, Senior Director of Global Brand Management, per saperne di più sugli obiettivi dell'organizzazione, sugli impegni verso Better Cotton e su come comunicano il loro lavoro al resto del mondo.

 

Puoi dirci perché Gap ha deciso di diventare membro di BCI e qual è il tuo obiettivo pubblico per l'approvvigionamento di cotone più sostenibile?

BCI è stata un'importante iniziativa in cui Gap è stato coinvolto. Gap come organizzazione ha guardato alla sostenibilità e a come creare capi in modo ponderato sin dal primo giorno, non a causa della domanda pubblica o per scopi di marketing, ma perché era la cosa giusta da fare per la nostra azienda e contava per i fondatori. Poiché Gap è diventato un marchio molto più grande, anche la nostra portata e la nostra portata sono aumentate e dobbiamo assicurarci di essere il più sostenibili possibile. Potrebbe dipendere da quanta acqua usiamo per produrre il nostro denim a come otteniamo il nostro cotone. Diventare membro di BCI è stato per noi un passo naturale. Ci siamo resi conto che la quantità di cotone che utilizziamo è significativa e qualsiasi opportunità che abbiamo per diventare più sostenibili ha un impatto significativo. Il nostro obiettivo ora è ottenere il 100% del nostro cotone da fonti più sostenibili entro il 2021.

 

Nel 2017, Gap Inc. ha aperto un pop-up store a New York con un focus sulla sostenibilità: puoi dirci di più sull'iniziativa e la risposta che ha ricevuto?

Internamente, Gap come marchio ha parlato di come possiamo essere più sostenibili e ponderati per 50 anni, e negli ultimi anni abbiamo avuto grandi opportunità di fare grandi passi avanti. Ci siamo resi conto che abbiamo parlato di sostenibilità internamente, ma non l'abbiamo davvero condiviso con i nostri consumatori. Il nostro negozio pop-up è arrivato nell'anno in cui abbiamo annunciato i nostri obiettivi con BCI e di procurarci il 100% del nostro cotone come più sostenibile entro il 2021. Volevamo iniziare a condividere il nostro lavoro ed educare i nostri consumatori. È qualcosa che è importante per i nostri consumatori ed è qualcosa a cui tengono. Lo abbiamo fatto con il nostro pop-up store a New York City, che ha aperto accanto a uno dei nostri flagship store. Lo spazio era dedicato ai nostri programmi di sostenibilità, tra cui Better Cotton, l'iniziativa per il lavaggio dei pozzi, e all'epoca avevamo una collezione di denim riciclato. Ha avuto molto successo. I consumatori volevano saperne di più e saperne di più. Erano anche molto sorpresi che Gap lo stesse facendo. Ci ha ispirato come marchio a uscire in modo più ampio con pratiche e obiettivi sostenibili. Abbiamo iniziato a condividere questo messaggio in tutti i negozi. Questo ci ha spinto a farlo non solo una volta, ma stiamo davvero cercando di essere sempre coerenti con questo messaggio per il consumatore. Nell'autunno 2018, vedrai nelle nostre campagne nazionali che affrontiamo la sostenibilità in un modo più esplicito di quanto non abbiamo mai fatto. Pensiamo che sia importante che se hai degli obiettivi, dovresti comunicarli, uscire con loro al pubblico ed essere responsabile per il loro raggiungimento.

 

Avete piani per ulteriori comunicazioni incentrate sulla sostenibilità in futuro?

Il 2018 segna il primo anno in cui usciremo in modo più ampio con le nostre comunicazioni sulla sostenibilità. Sappiamo che questi problemi sono importanti per i nostri consumatori, vogliono saperne di più e vogliono allinearsi con i marchi che condividono i loro valori personali. A partire dal 2018, vedrai messaggi di sostenibilità permanenti all'interno dei negozi Gap, che mettono in evidenza il nostro coinvolgimento con BCI, il denim wash-well e le iniziative di riciclaggio e perché questi sono importanti per noi. Comunicheremo anche online, condividendo informazioni tramite i social media e le nostre campagne pubblicitarie nazionali, in modo che i consumatori possano conoscere meglio i nostri programmi.

 

Ascolta l'intervista completa in allegato Podcast, originariamente condiviso nel Rapporto Annuale BCI 2017.

 

Condividi questa pagina