Internazionali

La produzione di cotone contribuisce ed è vulnerabile al cambiamento climatico. Ha anche il potenziale di contribuire alla mitigazione del cambiamento climatico, ad esempio attraverso il sequestro del carbonio nel suolo.

L'impatto odierno del cotone è stato stimato dal Carbon Trust in 220 milioni di tonnellate di CO2 equivalente emesse ogni anno. Con la nostra scala e la nostra rete, Better Cotton sta affrontando la crisi climatica a testa alta. Siamo pronti ad aiutare ad accelerare la transizione per ridurre le emissioni del cotone, la fibra naturale più coltivata al mondo. E, soprattutto, possiamo aiutare a consentire a Better Cotton Farmers di essere meglio preparati per gli impatti dei cambiamenti climatici adattando le loro pratiche.

In questo modo, supportiamo le comunità di coltivatori di cotone a ridurre le emissioni della coltivazione di cotone, rafforzando al contempo la loro resilienza ai cambiamenti climatici.

In che modo l'azione per il clima è al centro dei principi e dei criteri del cotone migliore

In tutto il nostro Principi e criteri del cotone migliore, abbiamo gettato solide basi per contribuire a ridurre l'intensità di carbonio della coltivazione del cotone e aiutare gli agricoltori ad adattarsi ai cambiamenti climatici sul campo. Nel 2021 abbiamo avviato una revisione dei Principi e dei criteri al fine di garantire che continuino a riflettere le migliori pratiche, siano efficaci e pertinenti a livello locale e sostengano le nostre ambizioni di guidare il cambiamento nei campi di cotone. Il periodo di revisione dovrebbe durare fino a giugno 2023.

Credito fotografico: Better Cotton/Morgan Ferrar Ubicazione: distretto di Bhavnagar, Gujarat, India. 2019 Descrizione: Dilipbhai Zala (Responsabile PU CSPC) e Takhtsinh Jadeja (Facilitatore sul campo CSPC) conducono una sessione di formazione per coltivatori di cotone migliore e lavoratori agricoli.
Credito fotografico: Better Cotton/Morgan Ferrar Ubicazione: distretto di Bhavnagar, Gujarat, India. 2019 Descrizione: Dilipbhai Zala (Responsabile PU CSPC) e Takhtsinh Jadeja (Facilitatore sul campo CSPC) conducono una sessione di formazione per coltivatori di cotone migliore e lavoratori agricoli.

Studio globale sui gas a effetto serra

Per preparare la strada al nostro Approccio climatico e il nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni di GHG per il 2030, nel 2021 abbiamo intrapreso il nostro primo studio globale sui GHG, che ha valutato le emissioni della produzione di cotone migliore (o standard equivalenti riconosciuti) che costituiscono oltre l'80% della produzione autorizzata di cotone migliore in Brasile, India, Pakistan, Cina e gli Stati Uniti.

L'analisi ha scomposto i fattori di emissione per ogni stato o provincia per paese e ha scoperto che quello Le emissioni di gas serra dalla produzione di Better Cotton in Cina, India, Pakistan, Tagikistan e Turchia sono state in media inferiori del 19% rispetto alla produzione di confronto. Il più grande hotspot di emissioni era la produzione di fertilizzanti, che rappresentava il 47% delle emissioni totali della produzione di Better Cotton. Anche l'irrigazione e l'applicazione di fertilizzanti sono stati determinanti significativi dell'applicazione delle emissioni.

Approccio climatico

Rilasciato nel dicembre 2021 come parte della strategia Better Cotton 2030, il nostro approccio al clima è informato da un crescente corpus di ricerche sull'intersezione tra coltivazione del cotone e cambiamento climatico, il lavoro dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) e rispetta gli obiettivi dell'accordo di Parigi.

È importante sottolineare che ci consentirà di aiutare gli agricoltori a mitigare ulteriormente il loro impatto sui cambiamenti climatici, adattarsi alle sue conseguenze e identificare opportunità intelligenti per il clima. Il nostro approccio continua ad evolversi e la consegna sarà uno sforzo continuo e collaborativo tra Better Cotton e i nostri partner, mentre continuiamo a sviluppare il nostro programma e cerchiamo finanziamenti per sostenere i nostri obiettivi a lungo termine.

Il nostro nuovo approccio al clima ha tre aree di interesse:

  1. Ridurre il contributo della produzione di cotone al cambiamento climatico. Accelerare la transizione di Better Cotton Farmers verso pratiche agricole rigenerative e rispettose del clima che riducano le emissioni e sequestrino il carbonio.
  2. Adattarsi alla vita in un clima che cambia. Dotare gli agricoltori, i lavoratori agricoli e le comunità agricole di essere più resilienti agli impatti dei cambiamenti climatici.
  3. Abilitare una transizione giusta. Garantire che il passaggio a un'agricoltura climatica, rigenerativa e a comunità resilienti sia socialmente ed economicamente inclusivo.

Quali sono le prospettive di #GHOFOSS?

Entro il 2030 puntiamo a ridurre del 50% le emissioni di gas serra per tonnellata di cotone migliore (rispetto al riferimento del 2017).

È importante sottolineare che misureremo e riferiremo sui nostri progressi, utilizzando una serie di solidi indicatori. Oltre ad avere un ruolo da svolgere nella riduzione delle emissioni, l'agricoltura ha anche il potenziale per immagazzinare grandi quantità di carbonio atmosferico nel suolo. Un altro dei nostri obiettivi di impatto per il 2030 è la salute del suolo e sosterremo gli agricoltori nell'attuazione di pratiche agricole rigenerative e rispettose del clima che riducono le emissioni, sequestrano il carbonio e migliorano la salute del suolo, come colture di copertura, lavorazione ridotta, rotazione delle colture e agroforestazione.

L'agricoltura fa parte della soluzione climatica e ha il potenziale per contribuire a un cambiamento positivo. Nei prossimi anni, miglioreremo e accelereremo i nostri sforzi e continueremo ad abbracciare nuove innovazioni per raggiungere i nostri obiettivi. Infine, Climate Action è il tema della conferenza 2022 di Better Cotton, in cui il settore si riunirà a giugno 2022 per collaborare a un futuro più sostenibile per il cotone.

2021 Relazione annuale

Accedi al rapporto per leggere l'articolo originale sull'azione per il clima e saperne di più sui progressi che stiamo facendo nelle aree prioritarie chiave.

Condividi questa pagina