Richiesta informazioni (RFI): Soluzioni per la tracciabilità del cotone

Mentre Better Cotton entra nella sua prossima fase strategica, per realizzare la nostra visione per il 2030 e guidare il cambiamento sul campo per gli agricoltori, Better Cotton consentirà di tracciare Better Cotton attraverso la rete di approvvigionamento globale. Lo scopo di questa richiesta è raccogliere ulteriori informazioni sulle capacità di una determinata soluzione di tracciabilità per produrre un elenco ristretto di fornitori che saranno quindi invitati a partecipare a una richiesta di proposta.

Leggi di più

Esplorazione della tracciabilità: cosa stiamo facendo per rendere migliore la tracciabilità del cotone

La Better Cotton Initiative è stata fondata con una chiara visione di rendere le pratiche sostenibili nella produzione di cotone la norma in tutto il mondo. Per avere un impatto così grande, la chiave è stata la rapida scalabilità del nostro programma. Con questo in mente, abbiamo creato un framework di Chain of Custody (CoC) che incorpora il concetto di "bilancio di massa” – un sistema di monitoraggio del volume ampiamente utilizzato che consente di sostituire o miscelare Better Cotton con cotone convenzionale a condizione che i volumi equivalenti provengano da Better Cotton.

Oggi, BCI è il più grande programma di sostenibilità del cotone al mondo, con oltre 10,000 attori della catena di approvvigionamento che utilizzano la nostra Better Cotton Platform. Il bilancio di massa ha consentito la rapida crescita della quantità di cotone proveniente da Better Cotton, facilitando allo stesso tempo gli agricoltori ad attuare pratiche migliori per produrre in modo più sostenibile. Ma mentre il nostro mondo progredisce, riconosciamo che è tempo di esplorare andando oltre questo modello CdC di bilancio di massa per offrire una tracciabilità completa e un valore ancora maggiore agli agricoltori e alle aziende Better Cotton.

La crescente domanda di tracciabilità

Cosa intendiamo esattamente per "tracciabilità"? Sebbene ci siano molti modelli diversi per l'implementazione e l'uso, essenzialmente il principio è nel nome: la "capacità di tracciare" qualcosa. Nel nostro caso, cotone. Per Better Cotton, ciò significa che, come minimo, cerchiamo di determinare la regione in cui è stato prodotto il cotone da seme e identificare le imprese coinvolte nella sua trasformazione in un prodotto finito.

Questo non è mai stato così importante come lo è ora. Poiché la legislazione che richiede alle aziende di dimostrare la conoscenza delle loro catene di approvvigionamento sta diventando sempre più comune in tutto il mondo, alle aziende non viene chiesto solo di saperne di più sulle origini dei loro materiali, ma anche sulle condizioni in cui vengono prodotti. La crescente attenzione dei media e degli accademici sulle questioni geopolitiche, compreso il trattamento dei musulmani uiguri nell'area cinese dello Xinjiang, ha ulteriormente dimostrato che il luogo di produzione e la sostenibilità sono strettamente interconnessi.

Dato questo ambiente operativo in rapida evoluzione, i rivenditori e i marchi devono integrare sia la sostenibilità e tracciabilità nelle loro pratiche commerciali standard. BCI offre già alle aziende un modo potente per supportare pratiche agricole sostenibili e mezzi di sussistenza degli agricoltori, e ora stiamo concentrando la nostra attenzione anche sul rendere più tracciabili le catene di approvvigionamento del cotone.

Vantaggi della tracciabilità

Fino ad ora, i costi rispetto ai benefici dello sviluppo di un sistema di tracciabilità per Better Cotton hanno impedito questo lavoro, ma poiché la bilancia va nella direzione opposta, siamo in una posizione privilegiata per implementare un sistema di tracciabilità globale per soddisfare le esigenze dei membri e supportarci nel realizzare la nostra missione.

Ciò è dovuto allo spostamento di significato dei benefici offerti dalla tracciabilità, che in tutti e tre i principali ambiti stanno aumentando ad ogni livello della filiera:

  • Efficienza: contributi nella rendicontazione delle parti interessate, gestione dell'inventario e della merce, abilitazione strategica dell'approvvigionamento, controllo dei processi e gestione dei dati
  • Gestione del rischio: contributi alla conformità normativa, monitoraggio dell'impatto, pianificazione di emergenza, previsione
  • Innovazione: contributi al coinvolgimento dei consumatori, economia circolare e rivendita, collaborazione, automazione e miglioramento dei processi, comunità di pratica e apprendimento, analisi del mercato

Una maggiore visibilità delle catene di approvvigionamento significa anche che i rivenditori e i marchi possono assumersi maggiori responsabilità e lavorare per affrontare eventuali problemi che possono incontrare, come lavoro forzato, cattive pratiche agricole e altro ancora.

Sfide per l'implementazione della tracciabilità

Implementare la tracciabilità non è un'impresa facile. Non si tratta semplicemente di ampliare i processi esistenti: sebbene possiamo utilizzare la partecipazione esistente dei membri della Better Cotton Platform come trampolino di lancio, lo sviluppo di una tracciabilità completa richiederà investimenti sostanziali, soprattutto perché lavoriamo per muoverci rapidamente su questi sviluppi.

Sfide principali

  • Risorse addizionali: Ciò include, per gli attori della catena di approvvigionamento, le spese per lo sviluppo di sistemi di controllo interno, potenziali implicazioni sui costi derivanti da una fornitura limitata quando molte aziende richiedono contemporaneamente cotone tracciabile e significativi requisiti di risorse associate per BCI. Anche un livello più elevato di garanzia della catena di approvvigionamento ha un costo, poiché la verifica delle origini esatte di un capo richiede molti più controlli e controlli.
  • Problemi di approvvigionamento e proprietà intellettuale: Creare le giuste miscele di filati e tessuti spesso richiede l'approvvigionamento da diversi paesi di origine, rendendo molto improbabile l'idea di "risalente alla fattoria" e che si tratti di una sola fattoria, o addirittura di un paese. Le preoccupazioni sulla protezione della proprietà intellettuale aggiungono un altro livello di complessità.
  • Allineamento con i sistemi di tracciabilità esistenti: Molte aziende e altre iniziative hanno iniziato a sviluppare i propri sistemi di tracciabilità. Il sistema che svilupperemo dovrà allinearsi ed eventualmente interfacciarsi con i sistemi di tracciabilità esistenti, dalle aziende, per diverse soluzioni tecnologiche e programmi del paese di origine, che richiederanno una grande collaborazione e coordinamento.
  • Supporto completo per i membri: Ultimo, ma certamente non meno importante, dobbiamo garantire il supporto di tutte le categorie di membri BCI per portare avanti i nostri piani di tracciabilità.

Cosa stiamo facendo adesso

A luglio 2020 abbiamo avuto la prima riunione del nostro nuovo multi-stakeholder Gruppo consultivo della catena di custodiae hanno iniziato a ricevere input sui requisiti prioritari e sulle domande chiave. Stiamo anche cercando finanziamenti per la prima fase e questa settimana abbiamo avviato l'assunzione di ulteriori risorse di personale per svolgere questo lavoro.

Con i vantaggi e le sfide della creazione di un sistema di tracciabilità Better Cotton, abbiamo sviluppato un piano di alto livello per andare avanti in quattro fasi distinte:

  • Configurazione e pianificazione
  • Sviluppo e pilotaggio
  • Coinvolgimento degli stakeholder e roll-out
  • Monitoraggio della conformità e mantenimento delle prestazioni

Con i giusti finanziamenti e risorse, prevediamo che una soluzione potrebbe essere pronta già nel 2022, dopo il pilotaggio alla fine del 2021.

Mentre ci addentriamo nella prima fase della pianificazione, ci stiamo consultando con altri membri e parti interessate per identificare i requisiti della soluzione, inclusi elementi di dati chiave, interfacce, modelli operativi, accordi di finanziamento e strutture di governance. Stiamo anche facendo un budget dettagliato e un piano di progetto. Sulla base del feedback delle parti interessate, dei finanziamenti disponibili e della probabilità di successo a lungo termine, determineremo quindi quale linea di azione intraprenderemo, con la consapevolezza di aver esplorato le opzioni in collaborazione con i nostri membri.

Unisciti a noi mentre costruiamo sul bilancio di massa per offrire più valore

Mentre stiamo lavorando su questo nuovo modello CdC tracciabile, è importante notare che non ci stiamo liberando del tutto del nostro attuale sistema di bilancio di massa. Il bilancio di massa ha un ruolo importante da svolgere nel raggiungere una scala di sostenibilità per le aziende e gli agricoltori di tutto il mondo. Vogliamo semplicemente costruire su questa base per offrire ai nostri rivenditori e ai membri del marchio una maggiore visibilità dell'intera catena di approvvigionamento, per coloro che lo desiderano, il che alla fine ci avvicina alla nostra visione di rendere la sostenibilità nel cotone la norma.

Ora è il momento di iniziare questo lavoro. Esamineremo i membri e le altre parti interessate nel nuovo anno: fai attenzione a questi inviti e condividi il tuo contributo. Questa settimana stiamo anche iniziando il reclutamento per supportare questo lavoro: tieni d'occhio il Lavori alla pagina BCI.

Leggi di più

Quali commercianti di cotone e fabbriche di cotone acquistano i maggiori volumi di "cotone migliore"?

 
Con l'aumento della domanda di Better Cotton, cotone coltivato da agricoltori BCI autorizzati in linea con i principi e i criteri Better Cotton, sempre più organizzazioni in tutta la catena di fornitura del cotone si uniscono alla Better Cotton Initiative (BCI) e supportano una maggiore diffusione di Better Cotton* . All'inizio dell'anno, abbiamo annunciato il rivenditore BCI e i membri del marchio che hanno acquistato i maggiori volumi di cotone come Better Cotton nel 2018. Ora stiamo lanciando la classifica Cotton Merchants and Mills.

La classifica Merchants and Mills mette in evidenza i primi 20 commercianti di cotone e i primi 50 stabilimenti, in base ai volumi di cotone acquistato come Better Cotton. Accedi alla classifica Better Cotton 2018.

I commercianti e gli stabilimenti di cotone stanno sostenendo la trasformazione del settore del cotone unendosi a BCI e acquistando volumi maggiori di Better Cotton per i rivenditori e i membri del marchio BCI, creando un collegamento fondamentale tra l'offerta e la domanda di Better Cotton.

"La domanda del mercato per un cotone più sostenibile è aumentata notevolmente nel corso degli anni. È iniziato con alcuni rivenditori che acquistavano cotone più sostenibile in quantità limitate per piccole collezioni. Nel tempo, i rivenditori hanno ampliato le loro collezioni e implementato obiettivi di approvvigionamento sostenibile generali che hanno aumentato i volumi di cotone più sostenibile, incluso Better Cotton. Vediamo questa domanda aumentare ulteriormente nei prossimi 5-10 anni”. – Osman Ustundag, Cotton Purchasing Manager presso Kipa≈ü Holding, membro BCI dal 2011.

L'aumento dell'approvvigionamento di Better Cotton genera finanziamenti essenziali per la formazione e il sostegno degli agricoltori. Questo a sua volta sta guidando pratiche più sostenibili nella produzione di cotone, rendendola migliore per le persone che lo producono e per l'ambiente in cui cresce. BCI ha l'obiettivo di formare cinque milioni di coltivatori di cotone su pratiche più sostenibili entro il 2020. Scopri di più nella Rapporto annuale BCI 2018.

“Con la creazione di BCI in 2009, un approccio olistico e pragmatico per gli agricoltori per incorporare pratiche agricole sostenibili è stato lanciato.Better Cotton ha affrontato il divario esistente tra gli obiettivi di approvvigionamento sostenibile dei rivenditori e l'offerta di mercato di cotone prodotto in modo più sostenibile. utilizzando modelli innovativi come il bilancio di massa durante l'approvvigionamento, il mercato ha ora accesso ad aampio e in crescita base di approvvigionamento da cui procacciarsi.”– Amit Shah, CEO e direttore fondatore di Spectrum International, membro BCI dal 2013. Amit Shah ricopre anche la carica di tesoriere nel Consiglio BCI.

Scopri quali commercianti e mulini hanno acquistato i maggiori volumi di cotone come Better Cotton nel Classifica 2018 Better Cotton.

*L'assorbimento si riferisce all'approvvigionamento e all'acquisto di cotone più sostenibile in una catena di approvvigionamento. Con "approvvigionamento di cotone come Better Cotton", BCI si riferisce all'azione intrapresa dai membri quando effettuano ordini per prodotti contenenti cotone. Non si riferisce al cotone presente nel prodotto finito. BCI utilizza un modello di catena di custodia chiamato Bilancio di massa in base al quale i volumi di Better Cotton vengono monitorati su una piattaforma di approvvigionamento online. Better Cotton può essere mescolato o sostituito da cotone convenzionale nel suo viaggio dal campo al prodotto, tuttavia, i volumi di Better Cotton rivendicati dai membri sulla piattaforma online non superano mai i volumi fisicamente acquistati da filatori e commercianti.
Leggi di più

Quali marchi globali sono leader nell'approvvigionamento sostenibile del cotone?

 
Il rivenditore e i membri del marchio della Better Cotton Initiative (BCI) stanno aprendo la strada a una produzione di cotone più sostenibile integrando Better Cotton nelle loro strategie di approvvigionamento delle materie prime e guidando la domanda di pratiche più sostenibili in tutto il mondo.

Nel 2018, 92 rivenditori BCI e membri del marchio hanno acquistato più di un milione di tonnellate di Better Cotton – un record per BCI! Questo rappresenta il 4% del consumo mondiale di cotone*. Il modello di finanziamento basato sulla domanda di BCI significa che il rivenditore e l'approvvigionamento del marchio di Better Cotton si traduce direttamente in un aumento degli investimenti nella formazione dei coltivatori di cotone su pratiche più sostenibili.

Mentre tutti i rivenditori e i membri del marchio BCI stanno contribuendo al futuro sostenibile del cotone, vorremmo cogliere l'occasione per evidenziare alcuni dei leader. I seguenti membri sono i primi 15 (in ordine decrescente) in base ai loro volumi totali di approvvigionamento di Better Cotton nell'anno solare 2018. Insieme rappresentano una percentuale significativa (88%) del Better Cotton acquistato lo scorso anno.

1 – Hennes & Mauritz AB

2 – IKEA Supply AG

3 – Gap Inc.

4 – adidas AG

5 – Nike, Inc.

6 – Levi Strauss & Co.

7 – C&A AG

8 – PVH Corp.

9 – Società VF

10 – IL PI VENDUTO

11 – DECATHLON SA

12 – Società di destinazione

13 – Marks and Spencer PLC

14 – Tesco

15 – OVS Spa

Accedi al Migliore classifica Cotton 2018.

"Da settembre 2015, tutto il cotone che acquistiamo per i prodotti IKEA proviene da fonti responsabili: L'85% di questo proviene da Better Cotton.Ci sono voluti un decennio di determinazione e duro lavoro per incorporare la sostenibilità nella nostra catena di approvvigionamento e siamo lieti di aver raggiunto il nostro obiettivo di cotone sostenibile al 100%. Non ci fermeremo però qui. Ci impegniamo a creare un cambiamento positivo in tutta l'industria del cotone e continuiamo a collaborare con i nostri partnerper renderlo realtà", afferma Rahul Ganju, Sustainability Manager Textiles, IKEA of Sweden.

"Il cotone è la nostra principale materia prima ed è una scelta naturale per i nostri consumatori. Tuttavia, sappiamo che essere naturali non significa necessariamente essere sostenibili. Ecco perché, nel 2016, abbiamo deciso di procurarci solo cotone più sostenibile entro il 2020. BCI rappresenta un pilastro fondamentale nella nostra strategia per raggiungere tale obiettivo poiché l'iniziativa aumenta le capacità dei coltivatori di cotone di adottare pratiche agricole sostenibili e concentrarsi sul miglioramento continuo”, afferma Simone Colombo, Head of Corporate Sustainability, OVS Spa.

“BESTSELLER è entrato a far parte di BCI nel 2011 e da allora siamo membri attivi. Abbiamo aumentato la nostra diffusione di Better Cotton di anno in anno e investito nella formazione e nel supporto degli agricoltori. BESTSELLER ha l'obiettivo di reperire il 100% del suo cotone in modo più sostenibile entro il 2022: per raggiungere questo obiettivo ci riforniamo di Better Cotton, cotone prodotto in Africa, cotone organico e cotone riciclato,” afferma Dorte Rye Olsen, Sustainability Manager, BESTSELLER.

Oltre a considerare i volumi assoluti di Better Cotton di provenienza, è importante evidenziare la quantità proporzionale di Better Cotton in percentuale del consumo totale di cotone. Per alcuni rivenditori e membri del marchio, Better Cotton rappresenta una percentuale sostanziale del loro approvvigionamento totale di cotone. Nel 2018, le aziende che hanno acquistato oltre il 90% del loro cotone come Better Cotton sono state adidas AG, HEMA BV e Stadium AB. Decathlon SA, Fatface Ltd, Hennes & Mauritz AB e IKEA AG hanno acquistato oltre il 75% del loro cotone come Better Cotton.

I "più veloci" del 2018 (elencati in ordine alfabetico) sono Benetton, Burberry Ltd, Fatface Ltd, GANT AB, Gap Inc., HEMA BV, La Redoute, Nike Inc., Olymp Bezner KG, Peak Performance, PVH Corp. e Stadio AB. Questi rivenditori e marchi hanno aumentato i loro volumi di cotone acquistato come Better Cotton di oltre 20 punti percentuali rispetto al 2017, dimostrando che l'approvvigionamento di cotone in modo più sostenibile può diventare la norma per le organizzazioni di tutte le dimensioni.

BCI ha l'obiettivo di raggiungere e formare cinque milioni di coltivatori di cotone entro il 2020. Per raggiungere questo obiettivo, BCI invita i suoi attuali rivenditori e membri del marchio, nonché i nuovi membri, a essere il più ambiziosi possibile nella definizione degli obiettivi di approvvigionamento di Better Cotton. Un maggiore approvvigionamento genera finanziamenti essenziali per la formazione e il sostegno degli agricoltori. Siamo lieti di notare che degli attuali 125 rivenditori e membri del marchio di BCI, 27 hanno già l'obiettivo pubblico di procurarsi il 100% del loro cotone in modo più sostenibile entro il 2020. Altri 23 membri hanno obiettivi di approvvigionamento sostenibile fissati per poco oltre il 2020.

Ora stiamo cercando la prossima ondata di leader della sostenibilità che si uniscano a BCI e colmino il divario tra l'offerta di Better Cotton sul mercato (19% della produzione mondiale di cotone nella stagione 2017-18) e la domanda da parte di rivenditori e membri del marchio (4% del consumo mondiale di cotone nella stagione del cotone 2017-18*). Nella stagione del cotone 2019-20, si prevede che Better Cotton rappresenterà 30% della produzione mondiale di cotone.

Accedi al Migliore classifica Cotton 2018.

Con l'aumento della domanda di Better Cotton, sempre più organizzazioni in tutta la catena di fornitura del cotone si uniscono a BCI e supportano una maggiore diffusione di Better Cotton. Nelle prossime settimane, lanceremo le classifiche dei commercianti di cotone e dei cotonifici, evidenziando chi ha acquistato i maggiori volumi di cotone come Better Cotton nel 2018.

*Dati sul consumo globale di cotone riportati dall'ICAC. Maggiori informazioni sono disponibiliqui.

Leggi di più

Il livello record di un migliore assorbimento del cotone invia un segnale chiaro al mercato

 
Nel 2018, la Better Cotton Initiative (BCI) ha registrato un livello storico di adozione1poiché 93 rivenditori e membri del marchio hanno acquistato più di un milione di tonnellate di Better Cotton, abbastanza cotone per produrre circa 1.5 miliardi di paia di jeans.

La diffusione di Better Cotton è aumentata del 45% rispetto all'anno precedente e, alla fine del 2018, l'approvvigionamento di Better Cotton da parte di rivenditori e membri del marchio rappresentava il 4% del consumo globale di cotone2. Integrando Better Cotton nelle loro strategie di approvvigionamento sostenibile e aumentando gli impegni di approvvigionamento di anno in anno, i rivenditori e i membri del marchio BCI stanno guidando la domanda di una produzione di cotone più sostenibile in tutto il mondo.

Ora, per continuare ad accelerare il mainstreaming di Better Cotton e raggiungere gli obiettivi 2020 di BCI - raggiungere e formare 5 milioni di coltivatori di cotone e fare in modo che Better Cotton rappresenti il ​​30% della produzione globale di cotone - BCI ha bisogno che la prossima ondata di leader della sostenibilità salga a bordo e colmare il divario tra domanda e offerta. (Nella stagione del cotone 2017-18, si prevede che Better Cotton rappresenterà il 19% della produzione mondiale di cotone.)

Membro fondatore di BCI, gruppo H&M, ha svolto un ruolo fondamentale nella crescita di Better Cotton; nel 2018 il rivenditore ha acquistato il maggior volume di Better Cotton (per il terzo anno consecutivo). "Il cotone è uno dei materiali più importanti del gruppo H&M: BCI svolge un ruolo chiave nel nostro obiettivo di utilizzare solo cotone proveniente da fonti sostenibili entro il 2020", afferma Mattias Bodin, Sustainability Business Expert, Materials and Innovation presso H&M Group.

adidas è un altro membro fondatore con ambiziosi obiettivi di approvvigionamento sostenibile. Nel 2018, adidas ha acquistato il 100% del suo cotone come cotone più sostenibile. Ebru Gencoglu, Senior Manager, Merchandising and Sustainability di adidas ha commentato: "BCI e adidas hanno lavorato a stretto contatto fin dall'inizio per raggiungere questo ambizioso obiettivo. BCI ha coinvolto gli attori lungo tutta la catena di approvvigionamento per consentire la giusta quantità di approvvigionamento nelle posizioni giuste. Ciò ha aiutato i nostri fornitori a reperire il cotone come Better Cotton, il che ci ha permesso di aumentare l'approvvigionamento in un breve periodo di tempo".

Il modello di finanziamento basato sulla domanda di BCI significa che il rivenditore e l'approvvigionamento del marchio di Better Cotton si traduce direttamente in un aumento degli investimenti nella formazione dei coltivatori di cotone su pratiche più sostenibili. Ad esempio, nella stagione del cotone 2017-18, BCI Retailer e Brand Members, donatori pubblici e IDH (The Sustainable Trade Initiative) hanno contribuito con più di 6.4 milioni di euro, consentendo a più di 1 milione di agricoltori in Cina, India, Mozambico, Pakistan , Tagikistan, Turchia e Senegal per ricevere sostegno e formazione*.

ALDI South Group fa parte di un gruppo di nuovi membri BCI che contribuiranno ad aumentare la diffusione di Better Cotton nel 2019 e oltre. Katharina Wortman, Direttore CRI di ALDI South Group, ha dichiarato: "ALDI sostiene gli standard del cotone sostenibile nel loro obiettivo di garantire migliori condizioni di coltivazione e un impatto ambientale ridotto. ALDI è entrata a far parte di BCI alla fine del 2017 e prevediamo che BCI svolgerà un ruolo significativo nel nostro approccio al cotone di provenienza responsabile. Il sistema di catena di custodia del bilancio di massa utilizzato da BCI consente ai nostri partner della catena di approvvigionamento di reperire più facilmente Better Cotton".

Un membro che ha illustrato come aumentare rapidamente la diffusione di Better Cotton è Gap Inc. Il rivenditore è entrato a far parte di BCI nel 2016 ed è ora tra i primi cinque rivenditori e membri del marchio BCI in base ai volumi totali di approvvigionamento di Better Cotton. ”Un migliore approvvigionamento di cotone è una parte importante della strategia di sostenibilità di Gap Inc.. Siamo stati in grado di sfruttare la nostra portata nel nostro portafoglio di marchi per accelerare l'approvvigionamento di Better Cotton in un tempo relativamente breve", ha affermato Agata Smeets, Director, Sustainability Sourcing Strategy presso Gap Inc.

Oltre all'aumento degli investimenti nella formazione degli agricoltori e nello sviluppo delle capacità, l'adozione di Better Cotton invia un chiaro segnale al mercato e ha un impatto su tutta la catena di approvvigionamento. I commercianti di cotone vedono l'aumento della domanda di cotone prodotto in modo più sostenibile, ma credono che ci sia molto altro da fare. Marco Baenninger, Head Trader Hand Picked Cotton di PaulReinhartAG, ha dichiarato: "Better Cotton è diventato parte integrante del commercio internazionale del cotone. È molto piacevole vedere che la diffusione da parte dei rivenditori è aumentata notevolmente negli ultimi anni. Tuttavia, c'è ancora molto da fare. Alcune organizzazioni sono ancora scettiche, ma a lungo termine rischiano di perdere quote di mercato se trascurano opzioni più sostenibili. Questo la dice lunga sul successo di BCI e di altre iniziative e standard di cotone sostenibile nella promozione del cotone prodotto in modo sostenibile”.

Trasformare la produzione di cotone in tutto il mondo richiede impegno e collaborazione da parte dell'intera filiera del cotone. Mentre celebriamo la pietra miliare dell'approvvigionamento di BCI nel 2018, ringraziamo tutti i nostri membri e partner per aver supportato BCI. I rivenditori e i marchi, i commercianti di cotone e i filatori che hanno acquistato i maggiori volumi di Better Cotton nel 2018 saranno rivelati nella Better Cotton Leaderboard, lanciata alla Global Cotton Sustainability Conference 2019 a Shanghai a giugno.

1L'uptake si riferisce all'approvvigionamento e all'acquisto di cotone più sostenibile in una catena di approvvigionamento. Con "approvvigionamento di cotone come Better Cotton", BCI si riferisce all'azione intrapresa dai membri quando effettuano ordini per prodotti contenenti cotone. Non si riferisce al cotone presente nel prodotto finito. BCI utilizza un modello di catena di custodia chiamato Bilancio di massa in base al quale i volumi di Better Cotton vengono monitorati su una piattaforma di approvvigionamento online. Better Cotton può essere mescolato o sostituito da cotone convenzionale nel suo viaggio dal campo al prodotto, tuttavia, i volumi di Better Cotton rivendicati dai membri sulla piattaforma online non superano mai i volumi acquistati fisicamente da filatori e commercianti.
2Dati sul consumo globale di cotone riportati dall'ICAC. Maggiori informazioni sono disponibili qui.
3 Mentre l'investimento di BCI Retailer e Brand Members, donatori pubblici e IDH (The Sustainable Trade Initiative), mobilitato attraverso il Better Cotton Growth and Innovation Fund, ha raggiunto oltre un milione di agricoltori nella stagione 2017-2018, si prevede che la Better Cotton Initiative raggiungerà e formare un totale di 2.1 milioni di coltivatori di cotone durante la stagione. I dati definitivi saranno pubblicati nella relazione annuale 2018 di BCI.
Leggi di più

I membri Better Cotton guidano un approvvigionamento di cotone più sostenibile

 
I rivenditori e i membri del marchio BCI impegnati hanno contribuito in modo significativo alla drammatica crescita di Better Cotton negli ultimi otto anni, contribuendo a guidare BCI verso il suo obiettivo per il 2020 di avere Better Cotton che rappresenta il 30% della produzione globale di cotone. Stanno sostenendo la trasformazione del mercato integrando Better Cotton nelle loro strategie per le materie prime e guidando la domanda di una produzione di cotone più sostenibile in tutto il mondo.

Mentre tutti i rivenditori e i membri del marchio BCI stanno contribuendo al futuro sostenibile del cotone, vorremmo cogliere l'occasione per evidenziare alcuni dei leader.

Nel 2017, 71 rivenditori e membri del marchio BCI hanno acquistato la cifra record di 736,000 tonnellate di Better Cotton. I seguenti membri sono i primi 15 (in ordine decrescente) in base ai loro volumi totali di approvvigionamento di Better Cotton nell'anno solare 20171. Insieme hanno fornito una parte significativa del volume totale di Better Cotton.

1. Hennes & Mauritz AB

2. Ikea Supply AG

3. adidas AG

4. Gap Inc.

5. Nike, Inc.

6. Levi Strauss & Co.

7. C&A AG

8. Decathlon SA

9. Società VF

10. Bestseller

11. PVH Corp.

12. Marks and Spencer PLC

13. Abbigliamento Tesco

14. PUMA SE

15. Vendita al dettaglio di Varner AS

Oltre a considerare il volume totale, è importante anche la percentuale del portafoglio complessivo di un'azienda di cotone più sostenibile. Per alcuni rivenditori e marchi, Better Cotton rappresenta una percentuale sostanziale del loro approvvigionamento totale di cotone. adidas AG, che ha lavorato costantemente per raggiungere un obiettivo di approvvigionamento del 100% Better Cotton entro il 2018, ha acquistato oltre il 90% del cotone come Better Cotton nel 2017. DECATHLON SA, Hemtex AB, Ikea Supply AG e Stadium AB hanno acquistato più di 75 % del loro cotone come Better Cotton1.

Vorremmo anche evidenziare i "movimenti più veloci" del 2017 - adidas AG, ASOS, DECATHLON SA, Gap Inc., Gina Tricot AB, G-Star RAW CV, HEMA BV, Hennes & Mauritz AB, IdKIds Sas, Just Brands BV , KappAhl Sverige AB, KID Interi√∏r AS, MQ Holding AB e Varner Retail AS. Questi rivenditori e marchi hanno aumentato i loro volumi di cotone acquistato come Better Cotton del maggior numero di punti percentuali rispetto all'anno precedente (2016).

Il modello di finanziamento basato sulla domanda di BCI significa che il rivenditore e l'approvvigionamento del marchio di Better Cotton si traduce direttamente in un aumento degli investimenti nella formazione per i coltivatori di cotone su pratiche più sostenibili. Nella stagione del cotone 2017-18, i rivenditori e i membri del marchio BCI hanno contribuito con oltre 6.4 milioni di euro, consentendo a più di 1 milione di agricoltori in Cina, India, Mozambico, Pakistan, Tagikistan, Turchia e Senegal di ricevere supporto e formazione*. Visitare Storie dal campo sul sito Web BCI per apprendere in prima persona dagli agricoltori i vantaggi che stanno ottenendo dall'implementazione del Better Cotton Standard System.

Si prega di visitare il Migliore classifica del cotone sul sito BCI per ulteriori informazioni. Qui troverai un elenco di tutti i rivenditori e i marchi che hanno contribuito alla domanda collettiva di 736,000 tonnellate di Better Cotton nel 2017, insieme ai principali commercianti e mulini di cotone in termini di volumi di Better Cotton acquistati.

Trasformare la produzione di cotone in tutto il mondo richiede impegno e collaborazione. Siamo orgogliosi di lavorare insieme a tutti i membri e partner BCI per creare un settore più sostenibile.

*Mentre l'investimento di BCI Retailer e Brand Members (mobilitato attraverso il Better Cotton Growth and Innovation Fund) ha raggiunto oltre un milione di agricoltori nella stagione 2017-2018, la Better Cotton Initiativesi prevede di raggiungere e formare un totale di 1.7 milioni di coltivatori di cotone nella stagione. I dati definitivi saranno pubblicati nella relazione annuale 2018 di BCI.

[1]Con "approvvigionamento di cotone come Better Cotton", BCI si riferisce all'azione intrapresa dai membri quando effettuano ordini per prodotti contenenti cotone. Non si riferisce al cotone presente nel prodotto finito. BCI utilizza un modello di catena di custodia chiamato Bilancio di massa in base al quale i volumi di Better Cotton vengono monitorati su una piattaforma di approvvigionamento online. Better Cotton può essere mescolato o sostituito da cotone convenzionale nel suo viaggio dal campo al prodotto, tuttavia, i volumi di Better Cotton rivendicati dai membri sulla piattaforma online non superano mai i volumi fisicamente acquistati da filatori e commercianti.
Leggi di più

Contribuire a un modo più sostenibile di fare moda: domande e risposte con Monki

 
Quest'anno Monki (un marchio del gruppo Hennes & Mauritz membro di BCI) ha raggiunto il suo obiettivo di procurarsi il 100% del cotone in modo sostenibile. L'obiettivo a lungo termine del rivenditore è di procurarsi solo materiali riciclati o altri materiali più sostenibili entro il 2030. Abbiamo incontrato Irene Haglund, Sustainability Manager, per parlare dei loro risultati e delle prospettive per il marchio.

Monki ha raggiunto il suo obiettivo di procurarsi in modo sostenibile il 100% del suo cotone. Raccontaci del tuo viaggio e del tuo portafoglio di cotone sostenibile.

Dall'utilizzo del cotone biologico, alla collaborazione con organizzazioni come la Better Cotton Initiative (BCI), all'adesione alla nostra lista di materiali "no-go", stiamo prendendo decisioni consapevoli per aiutare a ridurre al minimo l'impatto ambientale che i nostri materiali hanno sul mondo. Con pietre miliari come la nostra gamma di denim organico al 100% lanciata nell'estate 2016 al nostro obiettivo attuale di 100% cotone proveniente da fonti sostenibili, ci sforziamo continuamente di rendere il mondo un posto più gentile e crediamo che la sostenibilità sia una parte importante di questo.

Come hai lavorato con BCI per comunicare gli impegni di Monki nei confronti di Better Cotton in un modo che mantenga il tono di voce di Monki e risuoni con i tuoi clienti?

BCI è stato un partner essenziale nell'aiutarci a comunicare il nostro raggiungimento del 100% di cotone proveniente da fonti sostenibili. I modi divertenti, amichevoli, coraggiosi e responsabili della nostra comunicazione, insieme al ruolo specialistico di BCI nella sostenibilità e alla loro profonda conoscenza dell'argomento, hanno portato a una comunicazione accessibile e informativa che parla ai nostri clienti e alla comunità.

Che risposta hanno ricevuto le vostre comunicazioni sul cotone sostenibile?

Abbiamo riscontrato un coinvolgimento positivo e il supporto della nostra comunità nei canali dei social media Monki, nonché un vivo interesse per l'argomento da parte dei media internazionali. È una bella sensazione poter presentare passi e risultati concreti verso un futuro più gentile per tutti e per il la risposta che riceviamo ci dimostra che siamo sulla strada giusta. Sappiamo che i nostri clienti vogliono qualcosa di più dei semplici prodotti e lavoriamo attivamente per avere un dialogo onesto, per ascoltare e per migliorare. Amiamo i feedback, positivi o negativi, perché questo significa che la nostra comunità è impegnata, impegnata e vuole far parte di Monki.

Ora che hai raggiunto il tuo obiettivo del 100% per quanto riguarda l'approvvigionamento sostenibile del cotone, quali sono le prospettive per Monki?

Il nostro obiettivo è procurarci solo materiali riciclati o altri materiali più sostenibili entro il 2030. A lungo termine è un passo avanti per contribuire a un modo più sostenibile di fare moda. Attraverso varie iniziative, come l'utilizzo esclusivo di cotone organico al 100% su tutte le collezioni di denim, cotone proveniente da fonti sostenibili in tutti i prodotti e l'offerta di riciclaggio di indumenti e tessuti in tutti i negozi e uffici, Monki sta lavorando per diventare clima positivo in tutta la nostra catena del valore entro il 2040. Stiamo continuamente riesaminando e adattando i modi per fare la differenza e per ottenere un modello di produzione circolare. Il design, i materiali, la produzione, la cura dei capi e il ciclo di vita dei capi sono solo una parte di tutto questo. Altri progetti includono l'illuminazione a LED in tutti i nuovi negozi, la riduzione dei beni non commerciali e i sacchetti di carta che sostituiscono i sacchetti di plastica.

Visita Monki si prende cura per saperne di più sulle iniziative di sostenibilità di Monki.

Leggi di più

Condividi questa pagina