Better Cotton istituisce una task force di esperti sul lavoro forzato e sul lavoro dignitoso

Il Better Cotton Standard System è un approccio olistico alla produzione di cotone sostenibile che copre tutti e tre i pilastri della sostenibilità: sociale, ambientale ed economico e affronta le numerose sfide della produzione di cotone. Uno dei sette Principi e criteri del cotone migliore si rivolge direttamente al lavoro dignitoso e al lavoro forzato in modo specifico. Il lavoro dignitoso è definito come un lavoro che offre una retribuzione equa, sicurezza e pari opportunità di apprendimento e progresso, in un ambiente in cui le persone si sentono sicure, rispettate e in grado di esprimere le proprie preoccupazioni o negoziare condizioni migliori.

Al fine di adattarsi e rispondere alle sfide del lavoro dignitoso nella coltivazione del cotone, ovunque si presentino tali sfide, BCI è attivamente impegnata nel dialogo sulle questioni del lavoro dignitoso e del lavoro forzato con i nostri stakeholder, comprese le organizzazioni della società civile, i rivenditori e i marchi e le organizzazioni esperte.

Task Force sul lavoro forzato e sul lavoro dignitoso

BCI sta attualmente lavorando per rafforzarsi Better Cotton Principio sei: lavoro dignitoso e ha creato un esperto Task Force sul lavoro forzato e sul lavoro dignitoso per rivedere elementi selezionati del Better Cotton Standard System. Sulla base di questa revisione, la Task Force produrrà raccomandazioni per migliorare l'efficacia del sistema nell'identificare, prevenire, mitigare e rimediare ai rischi del lavoro forzato.

Membri della task force

La task force sul lavoro forzato e il lavoro dignitoso riunisce rappresentanti della società civile, rivenditori, marchi e società di consulenza con una forte competenza in materia di diritti umani e lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento, in particolare nel settore tessile. La task force si avvale anche dell'esperienza di un consulente di progetto con esperienza nell'affrontare i rischi del lavoro minorile e forzato nei raccolti di cotone presso l'Organizzazione internazionale del lavoro.

Società civile

  • Patricia Jurewicz, fondatrice e vicepresidente | Rete di approvvigionamento responsabile
  • Shelly Han, capo del personale e direttore o impegno | Associazione del lavoro equo
  • Allison Gill, coordinatrice della campagna Cotton | Forum internazionale dei diritti dei lavoratori
  • Isabelle Rogers, Global Cotton Program Manager | Solidarietà
  • Chloe Cranston, Responsabile Affari e Diritti Umani | Anti-Slavery International
  • Komala Ramachandra, ricercatore senior | Human Rights Watch

Consulenze / Enti di ricerca

  • Rosey Hurst, fondatrice e direttrice | Impatto
  • Aarti Kapoor, amministratore delegato | Incorpora
  • Brett Dodge, consulente senior | Ergon

Rivenditori e marchi

  • Fiona Sadler, Head of Ethical Trade (rappresenterà temporaneamente M&S) | Lydia Hopton, Responsabile del commercio etico | M&S Abbigliamento e casa
  • Aditi Wanchoo, Senior Manager – Partnership di sviluppo Affari sociali e ambientali | adidas
  • Jason Tucker, Direttore delle prestazioni lavorative, produzione sostenibile e approvvigionamento | Nike

Consulenti di progetto

  • Stephen McClelland, consulente senior indipendente

Scopri di più sui membri della Task Force qui.

Condivideremo gli aggiornamenti sui progressi della Task Force non appena saranno disponibili ulteriori informazioni.

Leggi di più

Cosa ha in serbo il 2019 per un cotone migliore? Un messaggio dal CEO Alan McClay

 
Quest'anno, la Better Cotton Initiative (BCI) compie 10 anni.

In questo breve lasso di tempo, BCI ha registrato una crescita eccezionale. Oggi, l'Iniziativa conta più di 1,400 membri e lavora con 60 partner sul campo, per raggiungere e formare 1.6 milioni di coltivatori di cotone in 23 paesi (dati della stagione 2016-17). Con i nostri partner, membri e parti interessate abbiamo ottenuto molto negli ultimi 10 anni, ma c'è ancora molta strada da fare per garantire che la produzione globale di cotone sia migliore per le persone che lo producono, migliore per l'ambiente in cui cresce e migliore per il futuro del settore.

Mentre BCI si avvia al suo secondo decennio, l'attenzione dell'organizzazione è saldamente fissata al futuro e alla costruzione di una strategia per il 2030. Siamo veramente uno sforzo collaborativo e continuiamo a lavorare con tutte le nostre parti interessate per garantire BCI e il Better Cotton Standard System in modo efficace affrontare le sfide della produzione di cotone, soddisfacendo al contempo le esigenze di approvvigionamento dei nostri membri.

Nel corso dell'anno pubblicheremo una serie di articoli, con il contributo delle principali parti interessate che sono state influenti nel primo decennio di BCI: dai partner, alle organizzazioni della società civile, ai rivenditori e ai marchi. Il primo articolo della serie sarà pubblicato all'inizio di marzo.

Stiamo anche rivolgendo la nostra attenzione agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) e al modo in cui BCI e i suoi membri possono continuare a essere catalizzatori del cambiamento come parte dello slancio globale imbrigliato dagli SDGs. Nell'ultimo anno, abbiamo condotto un esercizio di mappatura in cui abbiamo confrontato gli obiettivi organizzativi di BCI con i 17 Obiettivi e i relativi target per determinare dove BCI li sta guidando in modo tangibile. Abbiamo identificato 10 SDG in cui BCI sta fornendo contributi consistenti: puoi scoprire di più nel nostro nuovo Hub SDG.

Inoltre, riconosciamo che la necessità per i membri BCI di comunicare sulla sostenibilità è in crescita e in evoluzione, e il Better Cotton Claims Framework deve evolversi parallelamente a queste crescenti aspettative del mercato e dei consumatori. All'inizio dell'anno abbiamo lanciato a rivedere del quadro. Dopo un periodo di consultazione, il Better Cotton Claims Framework V2.0 sarà rilasciato in primavera. Stiamo inoltre continuando a perfezionare il monitoraggio e la valutazione del nostro lavoro sul campo al fine di facilitare comunicazioni credibili sui risultati e sugli impatti degli investimenti dei membri in una produzione di cotone più sostenibile.

Vorremmo ringraziare tutti i nostri membri, partner e parti interessate per il vostro continuo supporto e non vediamo l'ora di lavorare insieme mentre BCI passa al prossimo capitolo.

Leggi di più

Condividi questa pagina