T-MAPP: Informare un'azione mirata sull'avvelenamento da pesticidi

L'avvelenamento acuto e non intenzionale da pesticidi è diffuso tra agricoltori e lavoratori agricoli, con i piccoli coltivatori di cotone nei paesi in via di sviluppo particolarmente colpiti. Tuttavia, l'intera portata degli effetti sulla salute rimane poco conosciuta.

Qui, Rajan Bhopal, membro del Better Cotton Council e Pesticide Action Network (PAN) UK International Project Manager, spiega come un'app rivoluzionaria sia in grado di catturare l'impatto umano dell'avvelenamento da pesticidi. Rajan ha presentato T-MAPP alla Better Conference nel giugno 2022 durante una vivace sessione di "disgregatori".

Rajan Bhopal parla alla Better Cotton Conference di Malmö, in Svezia, nel giugno 2022

Perché il problema dell'avvelenamento da pesticidi è in gran parte invisibile?

Il termine "pesticidi" copre una vasta gamma di prodotti contenenti una chimica varia, il che significa che i molti segni e sintomi di avvelenamento possono essere difficili da diagnosticare per i medici se non sono a conoscenza del problema. Inoltre, molti agricoltori subiscono ripercussioni sulla salute senza cercare cure, in particolare nelle aree rurali remote, dove le comunità non hanno accesso a servizi medici a prezzi accessibili. Troppi produttori di cotone accettano questi effetti come parte del lavoro. E sappiamo che dove gli incidenti vengono diagnosticati dai medici, spesso non vengono registrati sistematicamente o condivisi con i ministeri del governo responsabili della salute e dell'agricoltura.

Le indagini di monitoraggio della salute esistenti possono essere difficili da condurre, analizzare e riferire. Ecco perché abbiamo sviluppato T-MAPP, un sistema di monitoraggio digitale che accelera la raccolta dei dati e fornisce analisi rapide che trasformano i dati in risultati accurati su come i pesticidi influiscono sulla vita degli agricoltori.

Raccontaci di più sulla tua nuova app per pesticidi

L'app T-MAPP

Conosciuta come T-MAPP, la nostra app rende più efficiente la raccolta dei dati sull'avvelenamento da pesticidi, consentendo ai facilitatori sul campo e ad altri di raccogliere dati completi su prodotti, pratiche e luoghi collegati a tassi elevati di grave avvelenamento da pesticidi. Ciò include informazioni dettagliate su fattorie e colture, uso di dispositivi di protezione, particolari pesticidi e come vengono applicati e impatti sulla salute entro 24 ore dall'esposizione. Una volta che i dati sono stati raccolti e caricati, T-MAPP consente ai gestori dei sondaggi di vedere i risultati analizzati in tempo reale tramite una dashboard online. È importante sottolineare che questa conoscenza può essere sfruttata per identificare quali prodotti pesticidi stanno causando avvelenamento e informare un supporto più mirato.

Cosa hai scoperto finora?

Utilizzando T-MAPP, abbiamo intervistato 2,779 produttori di cotone in India, Tanzania e Benin. I coltivatori e i lavoratori del cotone stanno subendo un diffuso avvelenamento da pesticidi con impatti significativi sul benessere e sui mezzi di sussistenza. In media, due su cinque avevano subito un avvelenamento da pesticidi nell'ultimo anno. Erano comuni sintomi gravi di avvelenamento. Circa il 12% degli agricoltori segnala effetti gravi che includono, ad esempio, convulsioni, perdita della vista o vomito persistente.

Cosa si sta facendo con queste informazioni o come potrebbero essere utilizzate?

Ci sta aiutando a capire l'entità e la gravità dell'avvelenamento acuto da pesticidi e a trovare modi per affrontare il problema. In alcuni paesi, le autorità di regolamentazione hanno utilizzato l'app per monitorare i pesticidi dopo la registrazione. A Trinidad, ad esempio, alcuni pesticidi potrebbero essere vietati perché provocano alti tassi di avvelenamento. Le organizzazioni di sostenibilità stanno utilizzando l'app per identificare pratiche ad alto rischio e indirizzare gli sforzi di sviluppo delle capacità degli agricoltori. In India, ad esempio, i dati hanno aiutato Better Cotton a concentrare una campagna di sensibilizzazione sui rischi delle miscele di pesticidi. Altrove, indagini simili in Kurdistan hanno portato i governi ad agire per prevenire l'esposizione dei bambini e il coinvolgimento nell'irrorazione di pesticidi.

Qual è il tuo messaggio per marchi e rivenditori?

Investi nella comprensione e nell'affrontare i problemi sanitari e ambientali nel settore del cotone, incluso l'uso improprio dei pesticidi, che è probabile che si verifichino nella tua catena di approvvigionamento. E supportando programmi di sviluppo delle capacità di alta qualità, aiuterai a proteggere la salute, i mezzi di sussistenza e la capacità di coltivare cotone degli agricoltori in futuro.

per ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni su come Better Cotton affronta i rischi per la protezione delle colture, visita il nostro Pesticidi e protezione delle colture .

Per ulteriori informazioni su T-MAPP, visitare Sito web del Regno Unito di Pesticide Action Network (PAN)..

Leggi di più

Giornata mondiale del cotone – Un messaggio dal CEO di Better Cotton

Colpo alla testa di Alan McClay
Alan McClay, CEO di Better Cotton

Oggi, in occasione della Giornata mondiale del cotone, siamo felici di celebrare le comunità agricole di tutto il mondo che ci forniscono questa fibra naturale essenziale.

Le sfide sociali e ambientali che abbiamo affrontato insieme nel 2005, quando è stata fondata Better Cotton, sono ancora più urgenti oggi e due di queste sfide - il cambiamento climatico e l'uguaglianza di genere - rappresentano le questioni chiave del nostro tempo. Ma ci sono anche azioni chiare che possiamo intraprendere per risolverli. 

Quando guardiamo al cambiamento climatico, vediamo la portata del compito che ci attende. In Better Cotton, stiamo elaborando la nostra strategia sul cambiamento climatico per aiutare gli agricoltori ad affrontare questi effetti dolorosi. È importante sottolineare che la strategia affronterà anche il contributo del settore del cotone al cambiamento climatico, che The Carbon Trust stima a 220 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 all'anno. La buona notizia è che le tecnologie e le pratiche per affrontare questi problemi sono già disponibili: dobbiamo solo metterle in atto.


Cotone e cambiamento climatico: un'illustrazione dall'India

Credito fotografico: BCI/Florian Lang Località: Surendranagar, Gujarat, India. 2018. Descrizione: BCI Lead Farmer Vinodbhai Patel (48) nel suo campo. Mentre molti agricoltori bruciano le stoppie dell'erba, che vengono lasciate sul campo, Vinoodbhai lascia gli steli rimanenti. Gli steli verranno successivamente arati nel terreno per aumentare la biomassa nel terreno.

In Better Cotton, abbiamo assistito in prima persona allo sconvolgimento che il cambiamento climatico porta. Nel Gujarat, in India, Vinodbhai Patel, coltivatore di cotone migliore, ha lottato per anni con precipitazioni scarse e irregolari, scarsa qualità del suolo e infestazioni di parassiti nella sua fattoria di cotone nel villaggio di Haripar. Ma senza accesso alla conoscenza, alle risorse o al capitale, lui, insieme a molti altri piccoli agricoltori della sua regione, faceva affidamento in parte sui sussidi governativi per i fertilizzanti convenzionali, nonché sul credito dei negozianti locali per acquistare prodotti agrochimici tradizionali. Nel tempo, questi prodotti hanno solo degradato ulteriormente il terreno, rendendo più difficile la coltivazione di piante sane.

Vinodbhai ora utilizza esclusivamente fertilizzanti e pesticidi biologici per produrre cotone nella sua fattoria di sei ettari e sta incoraggiando i suoi coetanei a fare lo stesso. Gestendo gli insetti nocivi utilizzando ingredienti provenienti dalla natura - senza alcun costo per lui - e piantando le sue piante di cotone più densamente, entro il 2018 aveva ridotto i costi dei pesticidi dell'80% rispetto alla stagione di crescita 2015-2016, aumentando al contempo la sua produzione di oltre il 100% e il suo profitto del 200%.  

Il potenziale per il cambiamento diventa ancora maggiore quando includiamo le donne nell'equazione. Ci sono prove crescenti che mostrano la relazione tra l'uguaglianza di genere e l'adattamento ai cambiamenti climatici. In altre parole, stiamo vedendo che quando le voci delle donne sono elevate, prendono decisioni che avvantaggiano tutti, inclusa la guida all'adozione di pratiche più sostenibili.

Parità di genere: un'illustrazione dal Pakistan

Credito fotografico: BCI/Khaula Jamil. Località: Distretto di Vehari, Punjab, Pakistan, 2018. Descrizione: Almas Parveen, agricoltore BCI e facilitatore sul campo, durante una sessione di formazione BCI per agricoltori e lavoratori agricoli BCI nello stesso gruppo di apprendimento (LG). Almas sta discutendo su come selezionare il seme di cotone corretto.

Almas Parveen, un coltivatore di cotone nel distretto di Vehari nel Punjab, in Pakistan, conosce bene queste lotte. Nel suo angolo del Pakistan rurale, i ruoli di genere radicati significano che le donne hanno spesso poche opportunità di influenzare le pratiche agricole o le decisioni aziendali, e le lavoratrici del cotone sono spesso limitate a compiti manuali a bassa retribuzione, con meno sicurezza del lavoro rispetto agli uomini.

Almas, tuttavia, è sempre stato determinato a superare queste norme. Dal 2009, gestisce lei stessa la fattoria di cotone di nove ettari della sua famiglia. Anche se questo da solo era notevole, la sua motivazione non si fermava qui. Con il supporto del nostro partner di implementazione in Pakistan, Almas è diventato un facilitatore di Better Cotton Field per consentire ad altri agricoltori, uomini e donne, di apprendere e trarre vantaggio dalle tecniche di agricoltura sostenibile. All'inizio, Almas ha dovuto affrontare l'opposizione dei membri della sua comunità, ma nel tempo le percezioni degli agricoltori sono cambiate poiché le sue conoscenze tecniche e i suoi validi consigli hanno portato benefici tangibili alle loro aziende agricole. Nel 2018, Almas ha aumentato i suoi rendimenti del 18% e i suoi profitti del 23% rispetto all'anno precedente. Ha anche ottenuto una riduzione del 35% nell'uso di pesticidi. Nella stagione 2017-18, il Better Cotton Farmer in Pakistan ha aumentato i propri raccolti del 15% e ha ridotto l'uso di pesticidi del 17%, rispetto ai non Better Cotton Farmer.


Le questioni del cambiamento climatico e dell'uguaglianza di genere fungono da potenti lenti con cui osservare lo stato attuale del settore del cotone. Ci mostrano che la nostra visione di un mondo sostenibile, in cui i coltivatori di cotone e i lavoratori sappiano come far fronte alle minacce per l'ambiente, alla bassa produttività e persino alle norme sociali limitanti, è a portata di mano. Ci mostrano anche che una nuova generazione di comunità di coltivatori di cotone sarà in grado di vivere dignitosamente, avere una voce forte nella catena di approvvigionamento e soddisfare la crescente domanda dei consumatori per un cotone più sostenibile. 

La linea di fondo è che la trasformazione del settore del cotone non è il lavoro di una sola organizzazione. Quindi, in questa Giornata mondiale del cotone, poiché tutti noi ci prendiamo questo tempo per ascoltarci e imparare gli uni dagli altri, riflettendo sull'importanza e sul ruolo del cotone in tutto il mondo, vorrei incoraggiarci a unirci e sfruttare le nostre risorse e reti .

Insieme, possiamo approfondire il nostro impatto e catalizzare il cambiamento sistemico. Insieme, possiamo trasformare in realtà la trasformazione in un settore e un mondo del cotone sostenibili.

Alan McClay

CEO, Better Cotton

Leggi di più

Il cotone migliore appare nelle notizie sull'ecotessile che affrontano il cambiamento climatico

Il 4 ottobre 2021, Ecotextile News ha pubblicato "Can cotton cool climate change?", esplorando il ruolo della coltivazione del cotone nel cambiamento climatico. L'articolo esamina da vicino la strategia climatica di Better Cotton e attinge a un'intervista con Lena Staafgard, COO, e Chelsea Reinhardt, Direttore di Standards and Assurance, per capire come intendiamo influenzare la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici.

Accelerare il ritmo del cambiamento

Con il recente studio di Better Cotton sulle emissioni di gas serra commissionato ad Anthesis e il nostro lavoro con Cotone 2040, ora disponiamo di informazioni migliori per identificare le aree che contribuiscono maggiormente alle emissioni e quali regioni saranno maggiormente colpite dai cambiamenti climatici. Il nostro standard esistente e i programmi implementati sul campo da partner e agricoltori della rete Better Cotton affrontano attualmente queste aree problematiche. Ma dobbiamo agire rapidamente per costruire su ciò che già esiste per approfondire il nostro impatto.






Quello che stiamo cercando di fare davvero è affinare la nostra attenzione e accelerare il ritmo del cambiamento, per avere un impatto più profondo in quelle aree particolari che sono i grandi motori delle emissioni.

– Chelsea Reinhardt, Direttore degli standard e dell'assicurazione





Collaborare in tutto il settore del cotone

Il recente studio Cotton 2040 mostra che la metà di tutte le aree di coltivazione del cotone sono ad alto rischio di condizioni meteorologiche estreme nei prossimi decenni e abbiamo l'opportunità di agire in queste regioni con il nostro potenziale per convocare le parti interessate pertinenti. Ci sono sfide nel fornire soluzioni che sono rilevanti per le condizioni localizzate, quindi stiamo usando la nostra comprensione sfumata di questi problemi e siamo in grado di affrontarli con strategie appropriate attraverso la rete che abbiamo. Garantire l'integrazione di contesti di piccoli proprietari e grandi aziende agricole nel nostro approccio è importante.





Dovremmo essere in grado di arrivarci, ma sarà difficile e richiederà molta collaborazione, sfruttando la tecnologia e le conoscenze che abbiamo nelle grandi aziende agricole e trovando il modo di renderle disponibili a livello di piccoli proprietari, dove così tanto dell'agricoltura mondiale avviene.



Lena Staafgard, Direttore operativo



Better Cotton è in una posizione in cui abbiamo le risorse e la rete per collaborare al cambiamento. Partecipa al nostro prossimo webinar riservato ai membri per saperne di più Strategia 2030 di Better Cotton sui cambiamenti climatici.

Leggi tutto Articolo di Ecotextile News, "Il cotone può raffreddare il cambiamento climatico?"

Leggi di più

Condividi questa pagina