Sostenibilità

In Mozambico, i piccoli coltivatori che partecipano al programma BCI gestiscono il 90% della terra coltivata a cotone, con l'86% dei coltivatori di cotone del paese che producono Better Cotton. Gli agricoltori BCI coltivano cotone alimentato a pioggia, in gran parte a mano, e molti coltivano i loro raccolti su appezzamenti ereditati dalle loro famiglie.

Con i cambiamenti climatici, le precipitazioni irregolari stanno ponendo sfide significative agli agricoltori, con siccità che portano in alcuni casi alla completa perdita dei raccolti degli agricoltori. La povertà diffusa e la mancanza di trasporti e infrastrutture commerciali possono presentare ulteriori ostacoli all'affrontare questi problemi, impedendo agli agricoltori di accedere agli strumenti, ai finanziamenti, agli input e alle attrezzature di cui hanno bisogno.

I nostri quattro partner di implementazione* (IP) in Mozambico supportano BCI Farmers nell'adozione di tecniche sostenibili e convenienti per aumentare la produttività e mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici. Procurano anche input come semi e pesticidi per conto di BCI Farmers, contribuendo ulteriormente a ridurre i costi. Dal punto di vista sociale, aumentano la consapevolezza dell'importanza del lavoro dignitoso (un concetto universale di lavoro equo ed etico, definito dall'Organizzazione internazionale del lavoro), concentrandosi su questioni importanti come aiutare le donne nelle comunità di coltivatori di cotone a ottenere pari lavoro e decisione -fare opportunità.

Un IP BCI, Sociedale Algodoeira do Niassa – João Ferreira dos Santos (SAN JFS) supporta l'agricoltore BCI Manuel Maussene dal 2013. Manuel, 47 anni, gestisce la sua piccola azienda agricola di cotone di 2.5 ettari nella provincia di Niassa. E con otto figli, la famiglia dipende dalla sua capacità di ottenere un raccolto abbondante e sano. Da quando ha partecipato al programma BCI, Manuel ha compiuto passi significativi per aumentare la produttività della sua fattoria, concentrandosi su approcci più efficienti alla gestione dei parassiti, massimizzando l'uso dell'acqua piovana e migliorando la salute del suolo e la qualità delle fibre. Nel 2016, ha raggiunto un raccolto record di 1,500 kg di cotone per ettaro, il 50% in più rispetto al suo raccolto del 2015, significativamente superiore alla media di BCI Farmer in Mozambico.

L'attenzione per i dettagli e la precisione di Manuel nell'applicazione delle migliori tecniche di pratica lo ha portato a diventare un Lead Farmer***. In questo ruolo, ha assistito a sessioni di formazione per 270 agricoltori BCI all'interno della sua comunità, prestando la propria trama per le dimostrazioni delle migliori pratiche e comunica regolarmente con loro per condividere le conoscenze e ascoltare le loro preoccupazioni. Nel 2017, è stato coinvolto in un'iniziativa digitale guidata dalla PI per misurare esattamente quanta terra viene coltivata da BCI Farmers nella provincia di Niassa. Ha ricevuto un tablet da SAN JFS per eseguire misurazioni, con l'IP che sovrapponeva le immagini satellitari sull'area registrata. Usa il tablet anche per mostrare video di formazione agli agricoltori BCI nella sua PU, condividendo le migliori tecniche di pratica dal Mozambico e da altri paesi di produzione BCI.

Gestire i rischi posti da parassiti come vermi e jassidi (che attaccano rispettivamente le capsule e il fogliame), rappresenta una sfida continua per Manuel e i suoi colleghi agricoltori BCI. Adottare un approccio più preciso all'applicazione dei pesticidi può aiutare a tenere sotto controllo i parassiti riducendo i costi e l'impatto ambientale. Invece di spruzzare ogni due settimane, Manuel ha imparato a controllare se il numero di parassiti ha superato una certa soglia prima di spruzzare. Inoltre, coltiva le sue piante più da vicino, allontanandosi dalle pratiche tradizionali, che gli consente di applicare i pesticidi in modo più efficiente e di coltivare più piante sulla stessa superficie, sfruttando meglio il suo appezzamento.

Poiché i cambiamenti climatici e i parassiti migrano verso nuove località, gli agricoltori devono anche rimanere vigili sull'evoluzione delle minacce dei parassiti. Ad esempio, il parassita della cocciniglia (un insetto che succhia la linfa) ha devastato molte colture nel 2016, ad esempio, diffondendosi rapidamente a causa delle condizioni calde e secche. Abbiamo lavorato con i nostri IP per fornire a Manuel e ai suoi colleghi agricoltori BCI informazioni dal Cotton and Oilseeds Institute of Mozambique (IAM) su come affrontare efficacemente il parassita.

Ove possibile, Manuel utilizza sostanze naturali come le foglie di neem per produrre pesticidi botanici, con conseguente ulteriore risparmio, nonché erbacce morte dalla sua fattoria per creare una copertura nutriente per il terreno superiore. Questo ha il doppio vantaggio di fornire sostanze nutritive al terreno, aiutando a massimizzare la ritenzione di umidità riducendo l'evaporazione e garantendo che più acqua sia diretta alle radici, essenziale in periodi di siccità e precipitazioni irregolari. Migliorare la salute del suolo è vitale, con il degrado del suolo un problema importante per gli agricoltori BCI in Mozambico e nella maggior parte dei paesi africani. Migliora ulteriormente la salute del suolo ruotando le sue colture con mais, manioca e fagioli, dando al terreno la possibilità di rigenerarsi.

Con il cambiamento delle precipitazioni che continua a rappresentare una seria preoccupazione per i coltivatori di cotone in Mozambico, è fondamentale massimizzare l'uso dell'acqua piovana. Quando le piogge ritardate obbligano gli agricoltori a seminare un mese o due più tardi del solito (a dicembre o gennaio), questo può creare un periodo meno favorevole per la crescita, con le giornate che si accorciano verso i mesi invernali, privando le colture di sufficiente luce solare, appena mentre stanno entrando nella fase di crescita. Per conservare quanta più acqua piovana possibile e prevenire l'erosione del suolo, Manuel ha costruito dei "contorni" (mucchi di terra ammucchiati) lungo ogni fila di cotone per fungere da barriere, contribuendo a ridurre il deflusso dell'acqua e sfruttare al meglio questa preziosa risorsa.

La protezione della qualità della fibra è un'altra priorità fondamentale. Manuel ha imparato a iniziare a raccogliere quando metà delle sue piante mostrano le loro capsule di cotone, riducendo la possibilità di contaminazione dalla polvere della strada. Separa immediatamente il raccolto in due gruppi, di grado A e B, prima di essiccare il cotone in essiccatoi riparati e appositamente costruiti, realizzati con rami di alberi di provenienza locale e ricoperti di erba, proteggendo ulteriormente il raccolto da sporco e polvere. Infine, mantiene la qualità del cotone in viaggio verso il mercato conservandolo in sacchetti di stoffa anziché in plastica. Tutte queste tecniche si combinano per permettergli di conservare quanto più possibile del suo raccolto.

Partecipando a BCI, Manuel ha guadagnato rispetto e reputazione nella comunità e ha utilizzato i suoi maggiori profitti a beneficio della sua famiglia. Ha potuto mandare i suoi figli a scuola e acquistare libri scolastici per aiutarli nell'apprendimento, e ha rafforzato la costruzione della sua casa, sostituendo i rami di legno con mattoni e il tetto d'erba con lastre di zinco impermeabili. Ha anche comprato una moto, che gli permette di raggiungere più facilmente i clienti per vendere i suoi prodotti alimentari, trovare input per queste colture o acquistare generi alimentari per la famiglia.

La formazione BCI di Manuel sul lavoro dignitoso sta cambiando anche il modo in cui lui e la sua famiglia affrontano la divisione dei compiti in azienda. Sua moglie ora sta svolgendo un ruolo più importante nella parte commerciale della loro attività, andando spesso con Manuel a vendere il cotone di famiglia nei mercati locali.

In futuro, Manuel prevede di continuare a migliorare la produttività della sua fattoria e potrebbe persino espandere la sua fattoria per coltivare più Better Cotton. Continuerà inoltre a investire i suoi profitti in attività a sostegno della sua famiglia, anche acquistando capre per vendere latte, formaggio e carne nella sua comunità.

Leggi di più sul lavoro di BCI in Mozambico per saperne di più, clicca qui.

* Condurre formazione per milioni di agricoltori BCI in tutto il mondo è un'impresa importante e si basa sul supporto di partner fidati e affini sul campo in ogni paese in cui viene coltivato Better Cotton. Chiamiamo questi partner i nostri Partner di implementazione (IP) e adottiamo un approccio inclusivo ai tipi di organizzazione con cui collaboriamo. Possono essere ONG, cooperative o aziende all'interno della filiera del cotone e hanno la responsabilità di aiutare gli agricoltori BCI ad acquisire le conoscenze sociali e ambientali di cui hanno bisogno per coltivare Meglio Cotone, e incoraggiare l'adozione di Better Cotton nella filiera del cotone. 

** Ogni IP supporta una serie di Unità di produzione (PU), un raggruppamento di BCI Farmers (da piccoli proprietari o di medie dimensioni aziende agricole) della stessa comunità o regione. Il loro leader, il PU Manager, aiuta più gruppi più piccoli, noti come gruppi di apprendimento, a padroneggiare le migliori tecniche di pratica, in linea con i principi e i criteri di Better Cotton, la nostra definizione globale di Better Cotton.

*** Ciascun gruppo di apprendimento, a sua volta, è supportato da a Contadino capo, che organizza sessioni di formazione per i suoi membri, crea opportunità regolari per discutere progressi e sfide e incoraggia le migliori pratiche nella registrazione dei risultati.

Condividi questa pagina